Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

De Zerbi: “Non entrare in Europa per due gol dispiace. Come lasciare Sassuolo ma non potevo dare di più”

FLORENCE, ITALY - DECEMBER 16: Roberto De Zerbi, manager of US Sassuolo reacts during the Serie A match between ACF Fiorentina and US Sassuolo at Stadio Artemio Franchi on December 16, 2020 in Florence, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Il Sassuolo accarezza a lungo il sogno Europa, ma chiudere comunque a pari punti con la Roma, se da una parte può sembrare una beffa, dall’altra è un motivo di orgoglio per una squadra che sino all’ultimo ha onorato il campionato...

Redazione Il Posticipo

Il Sassuolo accarezza a lungo il sogno Europa, ma chiudere comunque a pari punti con la Roma, se da una parte può sembrare una beffa, dall'altra è un motivo di orgoglio per una squadra che sino all'ultimo ha onorato il campionato giocando un ottimo calcio e totalizzato il record di punti. De Zerbi analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport.

BILANCIO - Momento anche di bilanci, dopo tre anni intensi. "Non parlerei di delusione. Ci saremmo meritati l'Europa per il campionato che abbiamo fatto. Non che la Roma non lo meritasse, ma uscire per due gol non fatti è un dispiacere. Come quello di separarci. Provo molto affetto, ricambiato, per tutto l'ambiente. Adesso cercheremo di sistemare gli ultimi dettagli per la nuova esperienza".

EREDITA' - De Zerbi lascia in eredità una squadra competitiva ad altissimi livelli. Ed esce dal mercato italiano. "Non cerco chi sa quali campionati o chi sa quali squadre. Sono alla ricerca di condizioni ideali. Lascio il Sassuolo perché credo che più di così davvero non si possa fare. Altrimenti non avrei mai lasciato Sassuolo".