Caso Striani: nuova sentenza stile Bosman per le liste e per i vivai?

Di Francesco Paolo Traisci. Viene messo in discussione l’obbligo di contenere un numero minimo di giocatori formati in casa nelle liste ufficiali dei club. Una regola che sarebbe contraria alle norme che sanciscono la libera circolazione dei lavoratori all’interno dello spazio europeo.

Viene messo in discussione l’obbligo di contenere un numero minimo di giocatori formati in casa nelle liste ufficiali dei club. Una regola che sarebbe contraria alle norme che sanciscono la libera circolazione dei lavoratori all’interno dello spazio europeo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy