Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Schmeichel, una coppa nel nome e nel ricordo di Vichai

LONDON, ENGLAND - MAY 15: Khun Top, Chairman of Leicester City and Kasper Schmeichel of Leicester City celebrate with the Emirates FA Cup trophy following The Emirates FA Cup Final match between Chelsea and Leicester City at Wembley Stadium on May 15, 2021 in London, England. A limited number of around 21,000 fans, subject to a negative lateral flow test, will be allowed inside Wembley Stadium to watch this year's FA Cup Final as part of a pilot event to trial the return of large crowds to UK venues. (Photo by Kirsty Wigglesworth - Pool/Getty Images)

E quando Kasper Schmeichel alza la coppa, in pochi riescono a trattenere le lacrime. Complice anche il profondissimo legame che unisce il portiere alla società.

Redazione Il Posticipo

Il miracolo Leicester, cinque anni dopo. Una Premier e una FA Cup nel giro di pochi anni: un bottino straordinario per una squadra che è stata tifata da tutta l'Inghilterra che ha ormai scaricato le "big six" colpevoli di aver attentato all'unità del calcio inglese. Il miracolo delle foxes, il pianto dei tifosi, riconcilia con il calcio. E quando Kasper Schmeichel alza la coppa, in pochi riescono a trattenere le lacrime. Complice anche il profondissimo legame che unisce il portiere alla società.

AMICO - Un pensiero, sicuramente, sarà andato a Vichai Srivaddhanaprabha. Il presidente scomparso in un tragico incidente. Il suo elicottero, nell'ottobre del 2018, si schianta proprio a pochi metri dallo stadio. Una tragedia enorme. Specialmente per Kasper Schmeichel. Srivaddhanaprabha, per il portiere danese non era solamente...il datore di lavoro, ma anche un amico. In una intervista a Sky Sport, qualche anno fa ha ripercorso l'accaduto. "Ricordo tutto. Ogni singolo dettaglio. Quel giorno era venuta la mia famiglia dalla Danimarca e stavo facendo fare loro un giro allo stadio e in campo. L'elicottero è sempre un'attrazione. Lo abbiamo salutato e abbiamo visto l'elicottero decollare. Era una specie di rito, un qualcosa che avevo visto già centinaia di volte. Ma si è subito capito che qualcosa non andava, di solito l'elicottero non si muoveva in quella maniera. E poi quel che è successo è successo...

FIAMME - Kasper Schemichel, precipitatosi sulla scena dell’incidente abbia cercato di avventarsi sull’elicottero, ormai in fiamme, per provare a salvare qualche eventuale superstite. In più, l’atto eroico del danese sarebbe stato sventato dalle forze di polizia, che però non hanno evitato che il portiere potesse assistere da troppo vicino a scene davvero spaventose. Schmeichel è stato uno dei primi acquisti del magnate thailandese, che ha acquistato il club nel 2010 e ne ha preso ufficialmente le redini nel 2011. E all'epoca Kasper era molto semplicemente "il figlio di Peter", il portiere che dall'Academy del Manchester City ha tentato di emergere, ma che ovviamente non avrebbe mai potuto raggiungere la fama di suo padre. Ma qualcuno ha creduto in lui e lo ha trasformato nel giocatore che è oggi. Il suo legame con la famiglia Srivaddhanaprabha, è e resta fortissimo. Rinsaldato da quella coppa alzata per il suo amico Vichai.