Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rodgers commuove Leicester: “Voglio la FA Cup per dedicarla a Srivaddhanaprabha”

(Photo by Richard Heathcote/Getty Images)

Il tecnico del Leicester sogna la Fa Cup.

Redazione Il Posticipo

Brendan Rodgers commuove Leicester. Alla vigilia della sfida di FA CUP che le foxes si giocheranno per la prima volta in assoluto contro il Chelsea, il tecnico delle foxes ha idee chiare. Vuole vincere il titolo per dedicarlo a Vichai Srivaddhanaprabha, il presidente del club tragicamente scomparso a bordo del suo elicottero schiantatosi nell'ottobre del 2018 proprio nei pressi dello stadio del club che ha contribuito a rendere grande.

PROPRIETA' -  Il consorzio Asian Football Investments ha rilevato il Leicester nel 2010 e, sotto l'egida della  famiglia Srivaddhanaprabha, è tornato in Premier nel 2014. Ed è riuscita a vincerla al termine della straordinaria e forse irripetibile stagione  2015-16. L'attuale presidente di Leicester Aiyawatt Srivaddhanaprabha, è succeduto a Vichai e potrebbe alzare al cielo il primo trofeo. Un concetto che il tecnico ha fatto suo.

ha voluto concedersi una deroga. "Ci siamo guadagnati il ​​diritto di essere in finale e arriveremo con l'opportunità di scrivere la storia. Mi piacerebbe vincere questa FA Cup per Khun Vichai e la sua famiglia. Il suo spirito ci accompagnerà nella sfida contro il Chelsea. Uno dei motivi che mi hanno spinto a scegliere il Leicester è stata propria la presenza dalla famiglia di Vichai. E mi piacerebbe molto poter vincere la FA Cup per potergli dedicare il trofeo oltre che per regalare una gioia immensa ai nostri tifosi".

FORMAZIONE - L'avversario, però, non è dei più semplici. Anzi. Il Chelsea ha spesso trovato nella FA Cup e nelle coppe in generale, il proprio territorio di caccia. E Rodgers deve anche fare i conti con qualche dubbio legato agli infortuni. In primis quello di Evans. "Gli daremo un altro giorno. La sua condizione mi sembrava in crescita.  Prenderemo la decisione finale nelle prossime ore. Jonny è un guerriero, quindi se c'è anche solo una possibilità che gli permetta di scendere in campo, sarà lì. Il suo apporto sarà fondamentale in una gara che sarà molto fisica, quindi abbiamo bisogno di corsa, chili e centimetri da mettere in campo".