senza categoria

Mourinho, da una tempesta a un’altra…

Non è certo un periodo semplice per Josè Mourinho. Lo Special One ha dovuto affrontare una nuova tempesta. Questa volta non sono polemiche, ma la sabbia del Qatar...

Redazione Il Posticipo

Visto che al momento non può fare ciò che più gli piace, cioè allenare (e litigare con i calciatori, aggiungerebbe l’ex presidente del Real Calderon), José Mourinho si gode questo periodo da disoccupato di lusso. E a proposito di lusso, il fatto di essere diventato uno degli opinionisti di punta di BeIN Sports ha certamente qualche vantaggio. Non solo dal punto di vista economico, ma anche della location. Il Qatar è moderno ma è anche celebre per le sue spiagge sul Golfo Persico. E tra una trasmissione e l’altra, nulla di meglio che una bella giornata al mare, no? A meno che non ci metta lo zampino una tempesta.

TEMPESTA - E stavolta, caso più unico che raro, lo Special One non ne ha scatenata una, ma è stato costretto a scappare. Lo riporta il Sun, che racconta come una giornata in spiaggia si sia trasformata in un incubo di sabbia, che ha costretto il portoghese a riparare in albergo e a rimanere immobilizzato per sei ore. Cose a cui da quelle parti sono più che abituati, ma che magari, dopo due anni nella grigia e piovosa Manchester, l’ex allenatore dello United proprio non si aspettava. Anche perché gli avevano assicurato che non c’era nulla da preoccuparsi, come racconta una fonte citata dal tabloid.

GRIGIO - “Mou era su un lettino a prendere il sole in spiaggia quando il cielo si è fatto improvvisamente nero. Gli hanno detto che non era niente di grave, ma dieci minuti dopo il cielo era ancora più nero e c’era una tempesta che faceva volare sabbia e polvere ovunque. E quindi tutti quanti sono stati costretti a riparare in albergo e a rimanere lì dentro finché la tempesta non si è placata. Mourinho ha anche scherzato dicendo che i suoi capelli erano più grigi del solito, vista quanta polvere gli era finita in testa!”. Chissà se questa strana esperienza avrà confermato i dubbi...meteorologici dello Special One per quel che riguarda il mondiale 2022, già espressi qualche tempo fa...