Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

De Zerbi senza paura: “Con il Real per capire i nostri progressi”

De Zerbi senza paura: “Con il Real per capire i nostri progressi”

L'allenatore dello Shakhtar che si appresta a giocare un derby tutto italiano in panchina contro la squadra di Calro Ancelotti.

Redazione Il Posticipo

Una partita contro il Real Madrid, considerata come un'opportunità per capire a che punto si è arrivati. Pensieri e parole di Roberto De Zerbi, l'allenatore dello Shakhtar che si appresta a giocare un derby tutto italiano in panchina contro la squadra di Calro Ancelotti. L'ex allenatore del Sassuolo, intervenuto in conferenza stampa, attende con curiosità più che con timore i blancos. Le sue parole sono riprese dal sito ufficiale del club.

REAL - Real Madrid, basta la parola. "Impossibile non preoccuparmi prima della partita contro il Real Madrid. Solo una persona poco saggia non lo sarebbe. E io spero di essere abbastanza intelligente. In questi casi si hanno solo due opzioni: giocare in difesa, oppure puntare ad ottenere il possesso palla. Anche questa è una chiave difensiva. Abbiamo le idee chiare su ciò che vorremo fare. Ciò che importa da questa partita è valutare i nostri progressi, capire come e se abbiamo migliorato il nostro livello. Credo che sia più importante del semplice risultato".

PASSATO - C'è una certezza. Lo Shakhtar che nella scorsa stagione ha battuto due volte il Real e ha pareggiato due volte con l'Inter non giocherà come lo scorso anno. "Certamente da allenatore, vorrei che avessimo sconfitto lo Sheriff e l'Inter ma ci sono sconfitte anche nel calcio. Vedremo come giocheremo e quale sarà il risultato contro il Real ma penso che sarebbe sbagliato avventurarsi in confronti su come la squadra abbia giocato nella scorsa stagione. Da allora è cambiato parecchio, sia per noi che per i nostri avversari La cosa più importante è capire i nostri progressi, specialmente in queste partite contro le squadre più forti in Europa. Penso che le squadre di solito mostrino la filosofia degli allenatori. E la mia si adatta molto bene ai miei giocatori".

ANCELOTTI - Spazio, ovviamente, anche per un commento su Carlo Ancelotti: "Ha dato un grande contributo alla storia del calcio italiano sia come giocatore che come allenatore. Per noi è un maestro. Non credo che siano venuti qui per difendersi, anzi. Le nostre squadre si sono già incontrate, ma non credo che questa partita debba ridursi a una sfida Ancelotti contro De Zerbi".