Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

senza categoria

De Zerbi amaro: “A noi è andato tutto storto, allo Sheriff no, ma non siamo ancora forti”

De Zerbi amaro: “A noi è andato tutto storto, allo Sheriff no, ma non siamo ancora forti”

Lo Shakhtar esce sconfitto dalla sfida contro lo Sheriff.

Redazione Il Posticipo

Lo Sheriff conquista la sua prima, storica vittoria in Champions ai danni dello Shakhtar di Roberto De Zerbi che deve rimandare l'appuntamento con la prima gioia nell'Europa che conta. Il tecnico italiano esce sconfitto da quella che, sulla carta, doveva essere la sfida più agevole del girone. Si gioca, però, in campo e gli ucraini ne escono maluccio. Due reti, ed è anche andata bene. Il tecnico ha analizzato la sfida a fine partita in conferenza stampa. Le sue parole sono riprese dalla versione inglese del sito ufficiale della società ucraina.

CRITICA - Il tecnico italiano è autocritico: A noi è andato tutto storto, e allo Sheriff è andato tutto bene, ma non abbiamo perso solo per questo motivo.  La squadra ha sciupato tante occasioni potenziali da gol, è mancato qualcosa nell'ultimo passaggio. Loro invece lo hanno trovato la prima rete su una palla persa a metà campo. Da lì la partita si è fatta in salita e siamo usciti sconfitti subendo due gol in due tiri in porta. Nel calcio, la sconfitta può sempre capitare. Se lo Shakhtar gioca contro lo Sheriff, non significa che vincerà sicuramente e  se è successo, la colpa è nostra. Ci sono molti giocatori forti nella mia squadra, ma non siamo ancora una squadra così forte"

PROSPETTIVE - Il girone si è messo in salita ma De Zerbi non perde comunque fiducia. "Potenzialmente, possiamo diventare una squadra forte. Penso che lo diventeremo, perché abbiamo tanti giovani calciatori di grande prospettiva e qualità. Doti che già si intravedono e che usciranno alla luce del sole quando questi ragazzi riusciranno a esprimersi appieno come collettivo. Chi ritiene che oggi lo Shakhtar sia una squadra forte, però, non dice la verità. Però possiamo lavorare duramente e progredire insieme, ho la netta sensazione che la squadra capisca perfettamente quali siano le mie richieste e le mie idee. Ovviamente non tutti i meccanismi sono oliati alla perfezione ma tutto sommato va bene. Siamo solo all'inizio della stagione".