Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

senza categoria

Cannavaro: “Di solito il verdetto non mette nessuno d’accordo, ma un Pallone d’Oro è comunque a casa mia”

BERLIN - JULY 09:  Fabio Cannavaro (C) the captain of Italy lifts the world cup trophy, after his team's victory during the FIFA World Cup Germany 2006 Final match between Italy and France at the Olympic Stadium on July 9, 2006 in Berlin, Germany.  (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

La sensazione è che Cannavaro resterà ancora una volta l'ultimo italiano a ricevere l'ambitissimo trofeo.

Redazione Il Posticipo

Nella notte delle stelle del calcio, non poteva mancare l'ultimo capitano azzurro Campione del Mondo. Fabio Cannavaro è presente nella notte del Pallone d'Oro e ha rilasciato alcune dichiarazioni a sportmediaset. 

NORMALITA' - Anche il capitano azzurro del Mondiale del 2006 sottolinea l'importanza del ritorno del calcio prima ancora della consegna del pallone d'Oro.  "Sicuramente un segno di normalità è un premio unico a livello individuale ma fa sognare tutti i calciatori. La speranza è sempre quella che il nostro calcio torni a liveli altissimi la nazionale ci ha dato grande soddisfazione, dovremmo essere ancora di più rappresentiamo un paese dove il calcio rappresenta una componente fondamentale. A prescindere da tutto come movimento abbiamo il dovere di presentare più giocatori possibili".

BERLIN - JULY 09:  Fabio Cannavaro (C) the captain of Italy lifts the world cup trophy, after his team's victory during the FIFA World Cup Germany 2006 Final match between Italy and France at the Olympic Stadium on July 9, 2006 in Berlin, Germany.  (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

SCELTA - La sensazione è che Cannavaro resterà ancora una volta l'ultimo italiano a ricevere l'ambitissimo trofeo. Non si sottrae comunque alla scelte, senza risparmiare un pizzico di ironia. "Sicuramente voterei uno fra Mezzi e Lewandowski, forse premierei il polacco perché non l'ha vinto l'anno scorso quando probabilmente meritava. In ogni caso, alla fine il verdetto non mette mai d'accordo nessuno. Ricordo che anche quando l'hanno consegnato a me qualcuno ha detto che lo meritavano altri. E va bene così. Alla fine uno se lo porta a casa, quindi se qualcuno  lo vuole vedere deve venire a casa mia".