Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

senza categoria

L’ex laziale Braafheid racconta …lo spaventoso Van Gaal: “Non sapevi mai cosa aspettarti ogni mattina”

L’ex laziale Braafheid racconta …lo spaventoso Van Gaal: “Non sapevi mai cosa aspettarti ogni mattina” - immagine 1

Edson Braafheid e Louis Van Gaal. Un rapporto complicato.

Redazione Il Posticipo

Edson Braafheid è una delle tante meteore della Serie A. Due anni in Italia, con la maglia della Lazio, senza mai lasciare il segno. Eppure l'olandese era uno dei migliori prospetti del calcio oranje. Al punto che addirittura il Bayern Monaco si è mosso per portarlo in Bundesliga, con tanto di telefonata diretta di Louis Van Gaal. Ma il rapporto con il tecnico olandese avrebbe riservato all'ex biancoceleste più di qualche sorpresa, come ha dichiarato qualche tempo fa lo stesso Braafheid a Goal.

IMPREVEDIBILE - Del suo ex allenatore ermerge un ritratto vagamente...lunatico. “Quando andavi all'allenamento la mattina, non sapevi mai che tipo di persona aspettarti. Van Gaal era assolutamente imprevedibile. A volte era un tipo davvero simpatico e divertente, altre invece ti provocava e ti mancava di rispetto. Ma non voglio fare troppi esempi, ho alcuni ricordi che però è meglio non raccontare".

L’ex laziale Braafheid racconta …lo spaventoso Van Gaal: “Non sapevi mai cosa aspettarti ogni mattina”- immagine 2

URLA - Un aneddoto però è concesso. E riguarda una partita del 2010. "Pranjic aveva problemi fisici, quindi Van Gaal ha mandato me, Alaba e Muller a riscaldarci. Durante l'intervallo mi dice di prepararmi perché il mio compagno, a suo giudizio, non avrebbe continuato. Mi sono scaldato,   ma Pranjic rimaneva in campo. Alla fine, quando ormai eravamo all'ottantesimo minuto di gioco, Van Gaal  decide di sostituirlo con Alaba. A quel punto ho pensato che per me non vi erano più possibilità e dunque  ho smesso con gli esercizi di riscaldamento. Il tecnico, lì per lì non mi ha detto nulla".

LITE - Per la cronaca La partita è finita 3-3. Risultato che non è andato giù all'olandese. "Avevamo perso terreno dal Borussia Dortmund. Negli spogliato però Van Gaal era furioso e urlava. Ed è venuto da me chiedendomi perché non mi fossi scaldato nonostante mi avesse chiesto di farlo. In quella occasione abbiamo litigato violentemente, io ho cercato di dire la mia. A quel punto ha scosso la testa ed è andato a urlare a qualcun altro. Era davvero una persona complicata".