Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Alaba e Kroos spiegano come il Bayern attrae giovani campioni: “Sempre il solito trucco, non puoi dire di no”

MUNICH, GERMANY - OCTOBER 19:  Toni Kroos (L) and David Alaba of Muenchen celebrate the victory after the Bundesliga match between FC Bayern Muenchen and 1. FSV Mainz 05 at Allianz Arena on October 19, 2013 in Munich, Germany.  (Photo by Lennart Preiss/Bongarts/Getty Images)

Alaba e Kroos sono felici di giocare di nuovo assieme al Real, dopo averlo già fatto nel Bayern. Anche perchè i due hanno una storia comune: entrambi sono stati convinti a trasferirsi in Baviera...con lo stesso trucchetto

Redazione Il Posticipo

Se c'è qualcuno che sarà stato particolarmente felice dell'arrivo al Real Madrid di Alaba, quello è certamente Toni Kroos. Il tedesco e l'austriaco si conoscono bene, visto che erano entrambi due giovani talenti del Bayern Monaco. Poi il centrocampista è...emigrato a Madrid dopo il mondiale vinto da protagonista, mentre per il difensore c'è voluto parecchio più tempo. Ma ora è il momento di una...reunion, anche nell'ormai celebre podcastEinfach mal Luppen che Kroos tiene con suo fratello Felix. E le risate che i due compagni di squadra si fanno tra un aneddoto e l'altro la dicono lunga su come gli anni e le rivalità calcistiche non abbiano inficiato sul loro rapporto.

INVITO - Anche perchè i due hanno una storia comune: entrambi sono stati scelti dal Bayern e convinti a trasferirsi in Baviera...con lo stesso trucchetto. Il primo a parlarne è Alaba. "A 15 anni ero già stato convocato per delle partite di prima divisione e sia l'Austria Vienna che altri club erano pronti a offrirmi un contratto da professionista. Ma dopo quella stagione sono andato nelle giovanili del Bayern. In realtà volevo andare in Inghilterra e avevo anche qualche offerta, ma al Bayern non si sono arresi e mi hanno detto 'vieni a trovarci'. Mio padre era in contatto col direttore delle giovanili Werner Kern, ci è venuto a prendere all'aeroporto e ci ha portato al centro sportivo di Säbener Strasse. A partire da quel momento, mi sono innamorato e ho preso la decisione con una certa rapidità".

PALESTRA - Un qualcosa che a Kroos...suona familiare. "Sempre il solito trucco, lo hanno fatto anche a me, ci hanno invitato all'hoter Bayerischer Hof  e poi ci hanno portato a vedere la Champions. E non si poteva mica dire di no...". Un metodo che comunque ha portato risultati. Ma ora che sette anni dopo i due sono di nuovo assieme, c'è una cosa che Alaba ha notato del collega... "A Monaco non lo vedevo mai in palestra con regolarità. Anzi, non ce lo vedevo mai. Arrivo a Madrid e comincio a vederlo in palestra tutti i giorni. Vado al bagno turco e arriva lui. La settimana dopo stava facendo gli addominali con un pallone per gli esercizi. La terza settimana lo trovo di nuovo lì con i pesi. A quel punto non ho potuto non chiedergli una cosa: 'Toni, che ti è successo negli ultimi sette anni?'". Chissà. Forse anche il Real...ha i suoi trucchetti.