senza categoria

Al-Khelaifi durissimo sulla Superlega: “I tre club ribelli sprecano energie. Il calcio è di tutti”

PARIS, FRANCE - AUGUST 11: Lionel Messi poses with his jersey next to President Nasser Al Khelaifi after the press conference of Paris Saint-Germain at Parc des Princes on August 11, 2021 in Paris, France. (Photo by Sebastien Muylaert/Getty Images)

Il numero uno del club parigino non solo rinnova il suo "no" alla Superlega, ma ritiene anche totalmente inutile continuare a considerare il progetto lanciato qualche mese fa

Redazione Il Posticipo

Nasser Al-Khelaifi, presidente del PSG è intervenuto all'assemblea ECA e non ha lasciato spazio ai fraintendimenti. Il numero uno del club parigino non solo rinnova il suo "no" alla Superlega, ma ritiene anche totalmente inutile continuare a considerare il progetto lanciato qualche mese fa e ancora sostenuto da alcuni club. Le sue parole sono riprese da AS.

SFIDE - Al Khelaifi si è soffermato sul futuro del calcio, concentrandosi sulle nuove sfide che attendono la UEFA. E la Superlega, decisamente, non ne fa parte. "Non mi va di parlare molto della Superlega, perché questo progetto distoglierebbe l'attenzione da progetti futuri con i club. Posso solo dire che chi l'ha ideata ha tentato di separarci ma evidentemente non ci è riuscito. Anzi, hanno ottenuto l'effetto opposto. Ci siamo compattati, siamo più forti. I tre club ribelli continuano a sprecare energie oltre a distorcere la narrazione dei fatti. Mi sembra che continuino a urlare al cielo. Noi invece andiamo avanti per la nostra strada, cercando di concentrare tutte le nostre forze per un calcio migliore e che sia il più unito possibile".

PARIS, FRANCE - AUGUST 11: Lionel Messi poses with his jersey next to President Nasser Al Khelaifi after the press conference of Paris Saint-Germain at Parc des Princes on August 11, 2021 in Paris, France. (Photo by Sebastien Muylaert/Getty Images)

PROBLEMI - Il presidente del Pairs Saint Germain si è anche soffermato sui problemi economici che stanno attanagliando la maggior parte dei club. La contrazione del mercato generata dalla pandemia si è fatta sentire. Al - Khelaifi ha la sua ricetta. "Occorre raggiungere la massima stabilità finanziaria possibile. E reagire rapidamente. Altrimenti le conseguenze rischiano di essere davvero irreparabili. Il concetto di Fair Play Finanziario va assolutamente riconsiderato e i vari club devono lavorare gomito a gomito con la UEFA poiché crediamo che il calcio sia e debba restare di tutti".

CALENDARIO - Fra i vari temi analizzati, c'è anche quello relativo al calendario. Intasato da troppe partite e caratterizzato anche dalle ultime vicissitudini legate agli impegni internazionali. "Si tratta di un argomento davvero delicato. La situazione è molto critica. Non è possibile prendere decisioni unilaterali sulla vicenda. Credo che sia necessario rimuovere la politica dal calcio. Non è possibile che lo sport debba subire pressioni dal governo".