il post

Terremoto Superlega e 5 ris…POST…e al campionato

Stefano Impallomeni

 REGGIO NELL'EMILIA, ITALY - JANUARY 20: Head coach of Juventus Andrea Pirlo looks on prior to the Italian PS5 Supercup match between Juventus and SSC Napoli at Mapei Stadium - Citta' del Tricolore on January 20, 2021 in Reggio nell'Emilia, Italy. (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

3) Juventus in crisi: qual è la posizione di Pirlo?

La Juventus perde a Bergamo, ma non gioca una partita da squadra in crisi. CR7, che piaccia o no, è stato il suo punto di riferimento, l'appoggio reale di trame di gioco più o meno visibili e tecnicamente apprezzabili. L'assenza del portoghese si fa sentire, perché in un contesto di ambizioni frenate, manca l'uomo della provvidenza, che attualmente non può essere, con continuità, Dybala, tornato in campo dopo un lungo periodo di inattività. Per il resto c'è una normalità inconsueta. Non c'è più un livello alto, ma solo un buon livello, con un limite all'eccellenza in cui i bianconeri si riconoscevano. Pirlo paga lo scotto di non aver potuto sviluppare la sua idea, una Juventus aggressiva e padrona del gioco e a queste latitudini è il tempo che ti condanna. A sette giornate dal termine del campionato i risultati schiacciano propositi e tentativi vari. Si galleggia in una sufficienza collettiva piena, si regge qualcosa grazie ad acuti nel traffico, ma manca quella forza di saper marcare un dominio complessivo. Alla Juventus manca essere la Juventus, perché c'è spesso l'incudine e poco il martello. A una teoria di grandezza risponde, a volte, una pratica scontata, faticosa, fatta di alti e bassi. La Juventus stessa sa che non è più la vecchia volpe che devastava gli avversari con astuzia e furbizia, con i suoi campioni, affaticata tra un glorioso passato già andato e nuovo che stenta a materializzarsi. L'ombra di Allegri si allunga, poi vedremo che tipo di scelta farà il club. Pirlo, paradossalmente, sta facendo il suo, la sua esperienza, non quella della Juventus.

Potresti esserti perso