Il buono, il brutto e il cattivo del campionato

Di Stefano Impallomeni. L’Inter vince e convince con Eriksen e Perisic. Tra Cossu e Bellugi, giornata di cuore. Milan, gli esami non finiscono mai. Di Francesco saluta, Ringhio rischia. Tra arbitri e allenatori sono scintille…

di Stefano Impallomeni

Buono

Conte si prende il derby con Lukaku e Lautaro Martinez e abbozza la fuga per la vittoria. Nel successo sul Milan però c’è altro e molto di più. E ci riferiamo alla riabilitazione piena di Eriksen e Perisic, che praticamente nel momento chiave della stagione si possono considerare a tutti gli effetti i nuovi acquisti di un’Inter che va oltre i soliti noti. È questo il fatto nuovo che potrebbe aprire scenari interessanti per Conte. Vinta una battaglia e la strada verso lo scudetto affatto in discesa. I segnali per un salto di qualità sono però evidenti. Il tempo è galantuomo. Attenti a quei due.

(Photo by Claudio Villa – Inter/Inter via Getty Images)

Barella e Caputo dal cuore d’oro. Dedica a Cossu del Cagliari. Il dirigente, ex calciatore della squadra sarda coinvolto in un incidente, non se la passa bene. In un mondo che va veloce e di fretta, c’è spazio per un pensiero vero che coinvolge anche Mauro Bellugi, autentico campione e grande uomo, che ci lascia dopo aver combattuto contro un destino maledetto. Non sono state sufficienti le amputazioni alle gambe per impedire il peggio. Il Covid la causa di una fine che ci consegna riflessioni e ci obbliga a un ricordo collettivo commovente. Leone. 

(Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Non sarà il campionato più bello degli ultimi anni, complice la pandemia e il pubblico assente negli stadi, ma è senza dubbio un torneo interessante e incerto, senza esclusione di colpi di scena, in cui limiti e pregi vanno di pari passo. Tutte in corsa con su e giù imprevedibili. Ogni settimana, ogni giornata una sorpresa. Non esistono partite facili. Lazio e Atalanta in rialzo, per la Roma una piccola frenata, Napoli in discesa, Milan in calo. L’Inter convince e ora vediamo cosa fa la Juventus. Montagne russe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy