il post

5 ris…POST…e al campionato

Di Stefano Impallomeni. Il weekend di campionato lascia in eredità dubbi, interrogativi e curiosità. Ecco le risposte ai quesiti che regala la trentaquattresima giornata di Serie A.

Stefano Impallomeni

MILAN, ITALY - FEBRUARY 21:  Romelu Lukaku of FC Internazionale celebrates with Lautaro Martinez after scoring the third goal during the Serie A match between AC Milan and FC Internazionale at Stadio Giuseppe Meazza on February 21, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)

1) Inter, capolavoro di Conte o della società? Chi è stato l'uomo in più?

Beh, quando si vince si dice capolavoro di tutti, nessuno escluso, ma è evidente quanto sia stato determinante il lavoro di Conte, che ha avuto il merito di saperci credere e soprattutto di far credere alla squadra di poter interrompere l'egemonia della Juventus, abituata a inanellare scudetti in serie da 9 anni consecutivi. Lo scudetto vinto dall'Inter ha un valore doppio, perché spezza un incantesimo che durava da ben 11 anni. E non è un caso che sia passato di mano in questo lasso di tempo da Mou a Conte, simili nelle conduzioni tecniche. Due personalità forti, divisive e inclusive al tempo stesso, capaci di stravolgere dentro e fuori l'ambiente con energie esplosive. L'incontro con la dirigenza dello scorso anno, l'aver chiarito alcune questioni è stato decisivo per la costruzione del successo. Conte è un vincente e sa come venirne a capo.

Il club è stato intelligente a seguirlo, anche dopo l'eliminazione dall'Europa, che in un certo senso è stata la rampa di lancio verso il trionfo. In campo l'uomo in più è stato Lukaku. È lui il trascinatore di una squadra che però ha saputo esaltare altre grandi potenzialità. Barella, Handanovic, la crescita di Brozovic essenziali. Senza dimenticare le reti di Lautaro e la figura di Eriksen, stella paziente e preziosa, la discussione interna determinante per mettere a posto il puzzle tricolore. Complimenti. Successo strameritato, arrivato con quattro giornate di anticipo. Da veri campioni.

Potresti esserti perso