5 ris…POST…e al campionato

Di Stefano Impallomeni. Il campionato lascia in eredità dubbi, interrogativi e curiosità. Ecco le risposte ai quesiti che ha regalato la quattordicesima giornata di Serie A.

di Stefano Impallomeni

Triste Firenze

La Fiorentina crolla ancora, Montella rischia e Chiesa è un mistero: che farà Commisso?

Montella ha dichiarato di aver visto una buona Fiorentina contro il Lecce. Sarà, ma la realtà dei fatti racconta una crisi evidente. Cagliari, Verona e Lecce sono tre buone squadre, ma non il Real Madrid, la Juventus o l’Inter per intenderci e lo diciamo con tutto il rispetto possibile. Si poteva fare meglio e si è fatto, al contrario, addirittura peggio del previsto. Sono arrivate tre sconfitte consecutive ed è evidente la mancanza di una vera identità di gioco. C’è troppa improvvisazione e molto poco di quella Viola bella, qualitativa, frizzante e sbarazzina vista a inizio stagione. L’assenza di Ribery pesa come un macigno, al pari di quella di Chiesa, la cui situazione va chiarita una volte per tutte. Se il giocatore vuole andare via che vada dove vuole in cambio però di adeguati vantaggi e di sufficienti garanzie economiche da parte del club. Il muro contro muro non porta profitti in un senso o nell’altro, generando soltanto tanta tensione e confusione, soprattutto nel lavoro quotidiano. Chiesa è una figura centrale della squadra, ma non è Baggio che andò alla Juventus scatenando un’insurrezione popolare tra i tifosi scesi in piazza, delusi e amareggiati per una cessione mai ancora del tutto digerita. Commisso, il Presidente, prende tempo e farà le sue scelte per il bene di tutti. Servono freddezza e lucidità. Sia su Montella ( c’è il Cittadella in Coppa Italia), che su tutto il resto. Firenze attende le sue mosse.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy