il post

5 ris…POST…e al campionato

Di Stefano Impallomeni. Il weekend di campionato termina e lascia in eredità dubbi, interrogativi e curiosità. Ecco le risposte ai quesiti che regala la ventesima giornata di Serie A.

Stefano Impallomeni

MILAN, ITALY - JANUARY 17:  Nicolo Barella (R) of FC Internazionale is challenged by Rodrigo Betancur (L) during the Serie A match between FC Internazionale and Juventus at Stadio Giuseppe Meazza on January 17, 2021 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors.  (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)
 (Photo by Claudio Villa - Inter/Inter via Getty Images)

1) Campionato delle sette sorelle, ma tre sembrano... più sorelle delle altre. E La Roma può ambire al gran ballo dello scudetto?

Tutto può accadere e lo sosteniamo da tempo. Campionato equilibrato, dove c'è la regolarità del Milan, ma al tempo stesso anche la forza e la fragilità di sette squadre, compresi i rossoneri. È difficile sapere se assisteremo a strappi e allunghi a tre. Tutte si assomigliano e tutte sono molto differenti. Siamo in un nuovo e avvincente paradosso, in cui l'intensità sembra primeggiare sui solisti, sul già forte e indiscutibile. Ci sono intervalli, buchi, pause, accelerazioni, risalite e discese. Quando sei convinto che una squadra decolli, arriva una mezza smentita, un'attesa tradita. Certo è che Milan, Inter e Juventus potrebbero essere lì punto a punto per il titolo, sebbene non ci siano certezze. Coppe di mezzo, continuità, intensità, fortuna, episodi, infortuni, fattore covid, rappresentano dubbi legittimi, da considerare di volta in volta. Sono molte le variabili, al di là di timonieri scafati e rose invidiabili. Gli organici saranno relativi, conterà molto il senso emotivo del momento, lo slancio propizio, il guizzo d'entusiasmo. Sarà un chi sbaglia paga sottile, di cui crediamo anche le squadre interessate abbiano consapevolezza. Un sottile equilibrio sopra o sotto il talento, dove la spunterà il più bravo e non il più forte. La Roma deve restare umile e superare un esame tosto. Sabato la sfida contro la Juventus ci dirà a che punto siamo per la Champions. 

Potresti esserti perso