Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

europei 2021

Sergio Ramos lascia il Real Madrid: adesso cuore, progetto tecnico o… portafoglio?

(Photo by Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

Era nell'aria. Ed è successo. Sergio Ramos lascia la fascia di capitano del Real Madrid e la capitale spagnola.

Redazione Il Posticipo

Era nell'aria. Ed è successo. Sergio Ramos lascia la fascia di capitano del Real Madrid e la capitale spagnola. Il calciatore non ha rinnovato il proprio contratto in scadenza e lascerà la Casa Blanca dopo aver contribuito in modo consistente ai pezzi... d'argenteria. Cinque campionati di spagna, due coppe del Re, quattro supercoppe, 4 Champions, altrettanti mondiali per club, tre supercoppe. Lascia dopo 671 presenze e 101 gol e 40 assist. Numeri incredibili per un difensore centrale che nell'ultima stagione non è riuscito a regalare titoli né continuità di rendimento.

ROTTURA - La rottura era inevitabile. Sergio Ramos guadagna 12 milioni di euro l'anno e al momento di sedersi per le trattative del rinnovo, ha chiesto un biennale forte anche dello straordinario finale di stagione 2019/2020 quando ha trascinato quasi di peso la squadra prima al sorpasso sul Barcellona e poi al titolo. Il Real, però, non si è mosso di un centimetro. La Casa Blanca non fa eccezioni né trattamenti di favore. Per gli over 35, il trattamento è noto. Un contratto annuale, e poi si valuta a fine stagione. Con un taglio del 10% per venire incontro al club. Proposta considerata irricevibile dall'entourage. Poi gli infortuni, gli scadimenti di forma e le ricadute hanno rovesciato la situazione. Ramos ha perso anche la nazionale e potere contrattuale.

ADDIO - Anche l'addio è in puro stile madridista. Austero e istituzionale. "Il Real Madrid CF comunica che giovedì 17 giugno, alle 12:30, ci sarà un atto istituzionale di omaggio e saluto al nostro capitano Sergio Ramos, alla presenza del nostro presidente Florentino Pérez. Successivamente, Sergio Ramos apparirà davanti ai media in una conferenza stampa telematica.

FUTURO - Sergio Ramos non sarà giovanissimo, ma conserva comunque un certo appeal. E un'operazione a parametro zero, che prevede solo il costo del cartellino, apre diverse strade e tutti percorribili. Resta da capire quale sia la volontà del Gran Capitan. Andare in una squadra che gli permette di tornare immediatamente a vincere titoli. Seguire il cuore e tornare a Siviglia o cercare un team che gli garantisca minutaggio e considerazione. O se optare per la classica scelta di vita e chiudere in un paese calcisticamente meno competitivo ma con un ingaggio da nababbo.