Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

europei 2021

Klopp ubriaco, sulle spalle dei tifosi fuori Wembley… ma è un sosia

Klopp ubriaco, sulle spalle dei tifosi fuori Wembley… ma è un sosia

Klopp o non Klopp? Quello che esultava fuori da Wembley per la sconfitta della Germania non era decisamente il tedesco. Ma un giornalista inglese… è caduto nel tranello e lo racconta in diretta TV.

Redazione Il Posticipo

Quante volte è capitato di salutare per strada qualcuno che non si conosce? E no, non per educazione o per espansività ma perché lo si è semplicemente scambiato per qualcun altro. Certo, si può scambiare qualcuno per un conoscente qualsiasi più o meno senza conseguenze. Ma quando si scambia qualcuno per una celebrità può succedere di tutto. La persona fermata può spiegare l’equivoco e passare per la ‘celebrità snob’ che non vuole essere disturbata oppure assecondarci pur non essendo chi tutti credono che sia. Il secondo scenario è capitato a un giornalista inglese di ITV che scambia un sosia per… il vero Klopp.

KLOPP O NON KLOPP? - Un esercizio di immaginazione. Si possono chiudere gli occhi e immaginare Jürgen Klopp fuori da Wembley, seduto sulle spalle di un tifoso con la tuta e il berretto del Liverpool addosso. Klopp è un tipo simpatico, alla mano: uno scenario del genere non sarebbe troppo sorprendente. Ma un Klopp in questo stato, con qualche birra di troppo sul groppone che festeggia fuori dallo stadio la vittoria dell’Inghilterra sulla sua Germania… non è affatto credibile. Certo, a Liverpool si trova bene ma rinnegare così la patria non sarebbe da lui visto che proprio il suo era uno dei nomi accostati alla Mannschaft per il dopo-Löw.

 (Photo by Peter Powell - Pool/Getty Images)

IMBARAZZO - Chiaramente era un sosia. E per quanto sia importante la somiglianza con il tedesco, il tutto è diventato virale, come riporta il Mail Online, quando non è stato un comune cittadino a confondere il sosia con il vero Klopp ma un giornalista di ITV, Jonathan Swain. Lui non ha perso tempo ed è corso dal Klopp abusivo per posare in una foto con lui. Peccato che l’indomani mattina sia andato in diretta e abbia raccontato l’accaduto dicendo di aver parlato con il vero Klopp nonostante, riporta la stessa testata, gli fosse già stato mandato un promemoria che quello non era il vero allenatore tedesco del Liverpool. Insomma, una carnevalata che al sosia di Klopp e ai lettori regala qualche risata mentre al povero Swaine… regala un po’ di imbarazzo.