Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

europei 2021

Havertz e una pressione da 80 milioni: “La gente si aspetta che tu sia il nuovo Cristiano Ronaldo…”

(Photo by Glyn Kirk/Pool via Getty Images

Un cartellino da 80 milioni di euro pesa? Eccome, perchè quando un calciatore viene pagato cifre simili, da lui ci si aspettano meraviglie. Havertz ha regalato al Chelsea la Champions con il suo gol, ma non dimentica le difficoltà dei primi mesi.

Redazione Il Posticipo

Un cartellino da 80 milioni di euro pesa? Eccome, perchè quando un calciatore viene pagato cifre simili, da lui ci si aspettano meraviglie. Al Chelsea però sanno anche che le cose non vanno sempre come si pensa e a testimoniarlo c'è Kepa: il portiere più pagato della storia, 70 milioni di euro, ora è la riserva di Mendy e i Blues sperano di trovare qualcuno a cui prestarlo o magari addirittura venderlo. Eppure questo non è bastato a far andare cauti i tifosi londinesi, che da Kai Havertz si attendevano una stagione pazzesca. Non è andata esattamente così, anche se di certo il gol che ha regalato la Champions alla squadra di Tuchel ha cancellato tutto. Ma non le difficoltà provate dal tedesco.

PRESSIONI - Prima dell'esordio europeo contro la Francia, Havertz ha parlato al Suddeutsche Zeitung e ha spiegato quanto il prezzo del suo cartellino e le aspettative poste sul suo acquisto siano stati un ostacolo complicato nei primi mesi al Chelsea. "La gente si aspetta che tu sia il nuovo Cristiano Ronaldo. Ma le cose non vanno così velocemente, tutto quello che ti circonda è una novità e all'inizio non ho giocato il mio calcio migliore. Ho subito una pressione totalmente diversa da quella a cui ero abituato a Leverkusen". E infatti il rendimento ne ha subito le conseguenze. Non che il tedesco sia andato malissimo, ma alcuni si cominciavano a chiedere dove fosse finito il calciatore che in Bundesliga aveva impressionato tutti.

 PORTO, PORTUGAL - MAY 29: Kevin De Bruyne of Manchester City and Antonio Rudiger of Chelsea receive medical treatment during the UEFA Champions League Final between Manchester City and Chelsea FC at Estadio do Dragao on May 29, 2021 in Porto, Portugal. (Photo by David Ramos/Getty Images)

CHAMPIONS ED EUROPEI - Poi però è arrivata la primavera e il fiore...di nome Havertz è sbocciato, nella notte più bella. A Porto, il suo gol al City è valso la Champions. E può rappresentare il punto di svolta per la carriera del trequartista di Aquisgrana. "Sono contento che la mia stagione sia finita con il gol in finale di Champions. È stata una rete fondamentale per la storia del Chelsea, ma anche per me fare bene da un punto di vista personale è stato importante". E adesso, ci sono gli Europei, con la gioia con il club a dare energie, ma anche a servire da monito. "Ovviamente aver vinto mi dà una certa sicurezza e molto entusiasmo, ma non serve a niente sentirsi un vincitore della Champions se poi agli Europei non ne azzecchi una". Per avere appena compiuto 22 anni, il ragazzo è già bello che maturo...