Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

europei 2021

Everton, attacco frontale di King ad Ancelotti: “Mi ha mentito”

 (Photo by Daniel Leal Olivas - Pool/Getty Images)

Quando si parla di Carlo Ancelotti, non si sottolinea mai troppo la sua capacità di gestire il gruppo e soprattutto campioni sopraffini. Ma non è detto che proprio tutti quanti apprezzino il suo lavoro...

Redazione Il Posticipo

Quando si parla di Carlo Ancelotti, non si sottolinea mai troppo la sua capacità di gestire il gruppo e soprattutto campioni sopraffini. Uno dei motivi per cui Florentino Perez lo ha voluto riportare al Real Madrid è che Re Carlo ha lasciato ricordi ottimi in tutti quelli che lo hanno vissuto al Bernabeu, portando a casa la tanto agognata Decima e creando un'atmosfera positiva in uno spogliatoio strapieno di talenti come quello dei Blancos. Ma non è detto che proprio tutti quanti apprezzino il suo lavoro. A Monaco di Baviera, per esempio, Ancelotti ha avuto grossi problemi con Thomas Müller, che alla fine gli sono costati il posto. E anche all'Everton il tecnico di Reggiolo ha lasciato uno scontento.

TALENTO - Joshua King, centravanti norvegese, era considerato un talento incredibile, al punto che Sir Alex Ferguson lo ha voluto portare in Inghilterra nelle giovanili del Manchester United. Poi la sua carriera si è un po' persa tra serie inferiori ed esperienze non esattamente entusiasmanti, ma gli anni al Bournemouth hanno dimostrato che in Premier League King ci poteva stare. E quando è arrivata la chiamata da parte dell'Everton di Ancelotti, l'attaccante non ha avuto dubbi a volare a Goodison Park. Ma, come ha spiegato a Dagbladet, il calciatore sente che il tecnico gli ha mentito: "Sì, la penso esattamente così. Ma il mondo del calcio funziona così, soprattutto quando raggiungi livelli altissimi. È così che vanno le cose e non ho rimpianti".

 (Getty Images)

MENTITO - Di certo però ha qualche sassolino da togliersi dalle scarpe nei confronti del suo ex tecnico. "Ma sì, mi ha mentito. Però ripeto, non ci sono moltissime persone oneste che lavorano nel mondo del calcio, forse escludendo qualche calciatore. Non ho avuto alcun tipo di rapporto con Ancelotti". E ora l'allenatore italiano è volato via per tentare il bis al Real Madrid. Non certo con i migliori auguri del suo ex calciatore, perchè la mezza stagione a Goodison Park senza mai scendere in campo da titolare ha segnato King. "Quando è arrivata l'offerta dell'Everton il mio istinto mi ha detto di dire sì. Ma non avrei mai pensato che su 18 partite non ne avrei iniziata neanche una dal primo minuto". E alla fine è arrivato l'addio. Di entrambi...