Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Zola sui big del Chelsea in scadenza: “Se ti chiamano Barça e Real senti quello che hanno da dirti…”

Zola sui big del Chelsea in scadenza: “Se ti chiamano Barça e Real senti quello che hanno da dirti…” - immagine 1

Campioni d'Europa in carica, ma con più di qualche problema. Il Chelsea ha Azpilicueta, Rudiger e Christensen in scadenza di contratto e non è chiaro chi di loro rimarrà a Londra e chi invece si farà attrarre dalla prospettiva di approdare a...

Redazione Il Posticipo

Campioni d'Europa in carica, ma con più di qualche problema. Da quando è arrivato Thomas Tuchel, il Chelsea ha decisamente cambiato marcia, andando a vincere la sua seconda Champions League e iniziando la stagione in corso come una delle tre pretendenti al titolo della Premier. Se in campo le cose vanno bene, però, è il mercato a creare qualche grattacapo alla società londinese. Ci sono tre calciatori in scadenza di contratto e non è chiaro chi di loro rimarrà a Londra e chi invece si farà attrarre dalle sirene di qualche top club. Capitan Azpilicueta, Rudiger e Christensen sono liberi di firmare con chiunque… Ma lo faranno? A rispondere a questa domanda, o almeno provarci, arriva Gianfranco Zola

TRE IN SCADENZA - Magic Box è ancora un'istituzione a Stamford Bridge. Ecco perchè il Sun chiede a lui un parere sul futuro dei tre. “È una situazione particolare, perché parliamo di tre calciatori nello stesso reparto, due dei quali sono giocatori importantissimi e hanno ottenuto molti successi con il club. Ci sono Rudiger e Azpilicueta, che sono dei titolari fissi. E il terzo, Christensen, non ha giocato tanto quanto loro, ma è più giovane. Non si possono lasciare andare calciatori che sono stati importanti come Azpilicueta e Rudiger, ma allo stesso tempo non va bene neanche perdere un buon prospetto come Christensen. Alla fine penso che due di loro rimarranno, ma non chiedetemi chi. Per fortuna, non sono Tuchel e posso permettermi di non rispondere alla domanda. Io forse terrei il più giovane e uno degli altri due. Ma non è una cosa rispettosa dire chi, non voglio farlo perché hanno tutti quanti dato molto al Chelsea".

SOLDI - I Blues sono un grande club, ma quando si parla delle big storiche, ovvio che i calciatori abbiano almeno voglia di capire cosa gli viene offerto.  "Parliamo di giocatori che sono al top in Premier League e che possono fare bene ovunque. Sono certo che questi calciatori abbiano un'ottima opinione del Chelsea, ma allo stesso tempo quando ti chiamano il Barcellona o Real Madrid, tu comunque ascolti. Forse non ci vai, ma comunque ascolti quello che hanno da dirti. I calciatori però lascerebbero un club speciale, in un campionato speciale, in un posto speciale come Londra. Un qualcosa che poteva capitare anche a Zola. "Anche io dopo il mio primo anno al Chelsea ho avuto la possibilità di andare in un altro club, ma la mia risposta è stata 'no grazie'. Sentivo di essere nel posto giusto, anche se andando via avrei guadagnato di più. Dobbiamo essere onesti, il denaro è un fattore importante. Quando sei un calciatore sei un po' come un'azienda,  devi pensare quello che è meglio per te e per la tua famiglia. In un lavoro normale, se ti offrono un lavoro migliore con più soldi, nel 90% dei casi ci vai… Per me il denaro non era la cosa fondamentale. Ma così è come la vedo io...". Chissà come la vedranno i tre in scadenza...