Zoff promuove Mancini: “Questa Italia può giocarsela con tutti”

Il mito del calcio italiano è abbastanza fiducioso sul percorso intrapreso dalla nazionale di Mancini.

di Redazione Il Posticipo

Dino Zoff fra presente e passato. Il mito del calcio italiano, che ha vinto il mondiale nel 1982 con gli azzurri è  fiducioso sul percorso intrapreso dalla nazionale di Mancini. Le sue parole sono riprese da TMW Radio.

MANCINI – La nazionale ha ritrovato smalto. “Il lavoro del Ct è notevole per numeri e vittorie. Credo che abbia impiantato un buon gruppo e questa nazionale.  Per quanto riguarda i portieri, possiamo stare tranquilli. Ci sono ragazzi giovani, ma già pronti. In generale  il calcio italiano ha prodotto tanti giocatori e ad un certo punto Mancini dovrà fare delle scelte”.

VINCERE – Il tecnico, di vittorie in azzurre, se ne intende. E rimarca con orgoglio il Mundial Spagnolo. “Credo che il nostro Mondiale sia irripetibile. La nostra squadra ha vinto segnando sempre su azione. Il rimpianto più grande è la finale del 2000, persa a venti secondi dalla fine”. Zoff non esclude a priori che questa nazionale possa vincere. “Io credo che questa nazionale possa giocarsela serenamente con tutti e ottenere ottimi risultati. L’unico problema, essendoci tanti calciatori sullo stesso livello, sarà azzeccare le scelte nel momento decisivo”.

CAMPIONATO  – Spazio anche per il campionato. “Credo che si stia vivendo una stagione anomala e sia ancora troppo presto per dare delle risposte definitive. Credo che la Juventus, al netto di qualche punto persa, sia ancora la squadra da battere anche se dopo nove scudetti consecutivi qualche piccolo problema era preventivabile. L’Inter ha investito parecchio e deve dare delle risposte. Poi ci sono le altre, come il Milan che con Ibrahimovic ha trovato un calciatore in grado di infondere fiducia e trascinare l’ambiente. Sin qui comunque la squadra rivelazione del campionato è stata il Sassuolo. Poi però le prime somme si tireranno a Natale, quando la visione del campionato sarà più vicina alla possibile realtà”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy