Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Zidane: “Siamo dove vogliamo e meritato. Davanti a questa squadra ci si deve togliere il cappello”

MADRID, SPAIN - DECEMBER 09: Zinedine Zidane, head coach of Real Madrid reacts during the UEFA Champions League Group B stage match between Real Madrid and Borussia Moenchengladbach at Estadio Alfredo di Stefano on December 09, 2020 in Madrid, Spain. Sporting stadiums around Spain remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Sfida in salita per il Real Madrid, costretto a vincere in casa del Chelsea o a pareggiare almeno per 2-2 per passare il turno

Redazione Il Posticipo

Sfida in salita per il Real Madrid, costretto a vincere in casa del Chelsea o a pareggiare almeno per 2-2 per passare il turno. Zidane, che non ha mai battuto Tuchel in questa competizione, deve cogliere l'attimo fuggente. O gli sfuggirà la finale. Il tecnico francese è sereno e le sue parole in conferenza stampa sono riprese da Bernabeu Digitàl.

CALMI - Il Real è chiamato a ribaltare il pronostico. "Come spesso succede. Siamo qui con qualche difficoltà ma di fronte a questa squadra ci si deve togliere il cappello. I gruppo ha personalità a carattere per affrontare questo tipo di partite. E quando la situazione si complica, rispondono sempre presente. Siamo dove vogliamo e, soprattutto, dove meritiamo. Il pareggio maturato all'andata non cambia nulla. Giocheremo la nostra partita. L'importante è preparare bene la partita. Del resto una semifinale di Champions non si gioca tutti i giorni. "

FIDUCIA - Il tecnico ha fiducia e recupera anche diversi elementi. In primis Hazard, che torna nel "suo" stadio. "Eden è con noi ed è pronto a scendere in campo. Contribuirà con le sue giocate. Abbiamo studiato il Chelsea, ma ogni partita è diversa e ha una storia da raccontare. Dovremo contrastarli molto bene da un punto di vista fisico ma chiunque scende in campo è in condizioni di farlo. Ovviamente dovrò scegliere undici giocatori da mandare in campo dal primo minuto ma so che anche chi entrerà a gara in corso sarà pronto. Anche per quanto riguarda Sergio Ramos non correremo alcun rischio. Chi è qui è perché è in grado di giocare. Non serve aggiungere altro.

FINALE - Zidane insegue un record: centrare la quarta finale di Champions. E magari anche vincerla Sarebbe straordinario. "Non credo che quanto stia accadendo al Real Madrid sia un miracolo. Se siamo arrivati sino a giocarci queste partite è un merito frutto del lavoro. Nel calcio non esistono miracoli, ma il raccogliere il frutto di tanti sacrifici. Ho buone sensazioni in vista del ritorno della sfida con il Chelsea proprio perché i ragazzi sono pronti e consapevoli delle qualità che li hanno portati sin qui".