Zidane, ma quale salvatore! Il suo Real non vale l’Europa League… e persino Solari ha fatto meglio di lui!

Zidane, ma quale salvatore! Il suo Real non vale l’Europa League… e persino Solari ha fatto meglio di lui!

Il tecnico francese è ritornato al Real Madrid con l’obiettivo di risollevare il morale di tutto l’ambiente dopo l’eliminazione in Champions League con l’Ajax, che reso fallimentare la stagione già a inizio marzo. Risultati alla mano però non ci è riuscito…

di Redazione Il Posticipo

La stagione del Real Madrid si è chiusa senza acuti dal punto di vista sportivo. Anzi, semmai lo ha fatto tra mille polemiche! Dopo la sconfitta incassata col Betis al Santiago Bernabeu, Zinedine Zidane e Gareth Bale hanno intrapreso una schermaglia dialettica a distanza che non fa onore al club che appena un anno fa a quest’ora stava preparando un’altra finale di Champions. E il club del presidente Florentino Perez ha cambiato tre allenatori senza cambiare niente…

LOPETEGUI E SOLARI – Raramente i numeri non dicono la verità. Quelli di Julen Lopetegui in termini di vittorie sono stati piuttosto scadenti: il tecnico spagnolo in sella fino a fine ottobre ha conquistato 14 punti in 10 partite nella Liga (percentuale di vittoria 46%) piazzandosi virtualmente al nono posto, quindi fuori dalle coppe. Il presidente Perez non ha avuto pazienza e ha deciso di cambiarlo promuovendo Santiago Solari da allenatore del Castilla a tecnico della prima squadra. L’argentino ha alzato il livello ottenendo 37 punti in 17 giornate (percentuale di vittoria 72%) che significano secondo posto con gli stessi punti dell’Atletico Madrid a meno cinque dal Barcellona capolista comunque in piena zona Champions League. Nel suo periodo di permamenza sulla panchina dei Blancos, Solari ha conquistato anche il Mondiale per Club, unico trofeo sollevato dal club nel corso di questa sfortunata stagione.

ZIZOU BOCCIATO? – Il periodo tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo però è stato fatale per l’argentino, che è incappato in tre sconfitte di fila costate di fatto tutte le competizioni stagionali (col Barcellona nella semifinale di ritorno di Coppa del Re e nella Liga e con l’Ajax nel ritorno degi ottavi di Champions). Il presidente Perez ha pensato di richiamare l’usato sicuro, quello Zidane che tante cose buone aveva fatto nelle tre stagioni precedenti in Europa (tre Champions conquistate di fila). I numeri però dicono che il tecnico ha fallito la sua missione: il francese infatti ha conquistato solo 17 punti in 11 partite di Liga (percentuale di vittorie 51%)… Un andamento da ottavo posto, che non vale nemmeno l’Europa League! C’è da dire che Zidane ha ritrovato una squadra frustrata per le tante sconfitte incassate e un ambiente difficile da riabilitare senza avere di fatto nessun genere di obiettivo, a parte la conquista del terzo posto in campionato che vale la Champions. La stagione della verità sarà la prossima per Zidane e tutto il suo staff… che alla fine di quest’anno guarda Solari dal basso! Solo l’argentino è riuscito a difendere l’onore del Real?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy