Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Zidane: “Il VAR aiuta, ma serve uniformità di giudizio. Se perdo la Liga dando il massimo non è una sconfitta”

MADRID, SPAIN - DECEMBER 09: Zinedine Zidane, head coach of Real Madrid reacts during the UEFA Champions League Group B stage match between Real Madrid and Borussia Moenchengladbach at Estadio Alfredo di Stefano on December 09, 2020 in Madrid, Spain. Sporting stadiums around Spain remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Il tecnico del Real a tutto campo prima della sfida con il Granada

Redazione Il Posticipo

Il Levante ha messo praticamente fuori gioco il Barcellona. Il Real Madrid, contro il Granada, ha l'opportunità di superare i rivali e di agganciare il primato se l'Atletico non farà il pieno con la Real Sociedad. Quanto basta per rendere la sfida elettrizzante. Zidane, però, in conferenza stampa non associa la vittoria o meno della Liga a un successo o a un fallimento. Le sue parole sono riprese da Bernabeu Digitàl.

LIGA - Il Real ha il vantaggio di giocare sapendo i risultati dell'Atletico. "Ormai può succedere davvero di tutto. L'importante è dare il massimo in campo. Non credo che perdere la Liga sia una sconfitta personale se la squadra lascia tutte le sue forze sul rettangolo di gioco. L'importante è dare sempre il massimo. Proviamo ogni anno a vincere il campionato. Il successo dipende dai dettagli. I conti si faranno alla fine del torneo".

FUTURO - Non solo quelli in classifica. Per conti si intende anche il futuro del tecnico, il bilancio, gli arrivi e le cessioni. Le voci si rincorrono. Anche su Zidane. "Siamo il Real Madrid, ovviamente è una squadra attenzionata. Sono ben consapevole che il mercato si avvicina. E alla gente piace parlare di trasferimenti, acquisti, cessioni. Non credo però sia il momento giusto per farlo. Né per me. Né per i calciatori. Ho notato che i ragazzi sono concentrati solo sul finale di campionato e mi fa molto piacere.

VAR - Un finale di campionato condizionato dagli arbitraggi e dal  VAR. Zidane evita ogni polemica ma pone l'accento sull'uniformità di giudizio. "Non mi va di generare alcun tipo di polemica. Non sono un tipo che alza polveroni o genera il caos. Io faccio il mio lavoro, gli arbitri il loro. E mi fido. Sostengo, e continuo a farlo, che il VAR sia un grande aiuto. Una invenzione che può aiutare a migliorare il calcio.  Però andrebbero rivisti alcuni concetti. Personalmente ritengo necessario fissare una linea comune e definitiva di giudizio e di intervento. I criteri andrebbero uniformati".