Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Zidane: “Atletico favorito, ma è l’occasione per dimostrare chi siamo”

(Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

Ultima forca caudina per Zidane, uscito rafforzato dalla qualificazione in Champions.

Redazione Il Posticipo

Zidane, ultima forca caudina. Dopo essersi rimesso in carreggiata in Liga e aver superato, per giunta da primo in classifica, il girone in Champions, il Real Madrid è chiamato all'ultimo sforzo di questo terribile miniciclo. Il derby contro l'Atletico che potrebbe restituire speranze di titolo alla Casa Blanca o dilatare le distanze dalla vetta. Il tecnico francese, in conferenza stampa, è stato chiaro. Ha fiducia nei suoi ragazzi. Del resto, non lo hanno mai tradito. Le dichiarazioni sono riprese da Bernabeu Digital.

ATLETICO - Un derby da prendere con le pinze. "Dovremo trovare le contromisure adatte perché l'Atletico gioca sempre molto bene. In una partita ci sono tante situazioni, ma vorremmo ripetere la buona prestazione dell'ultima uscita. Il nostro obiettivo è giocare bene e vincere anche e soprattutto in una partita così importante quale è il derby. Questa sfida è l'ennesima occasione per dimostrare chi siamo e quello che sappiamo fare. Chiaramente l'Atletico Madrid è in una condizione migliore di classifica. Sono favoriti, anche per la vittoria finale in campionato, ma l'unica cosa che mi interessa è riuscire a mettere in campo tutto quello che sappiamo fare". Sfida nella sfida contro Simeone. "Ognuno ha le sue peculiarità. Non posso essere qualcun altro e nemmeno gli altri possono essere me. Ciascuno di noi ha difetti e qualità. Simeone è un grande allenatore. Io cerco di fare il mio lavoro come posso ".

PROSPETTIVE - La vittoria in Champions schiude prospettive assai differenti. Archiviata la qualificazione e la paura di non farcela, c'è tempo e modo di concentrarsi sul campionato. "Vogliamo vincere ogni partita, senza pensare che  riusciremo a confermarci campioni di Spagna. Siamo pur sempre i detentori del titolo e vogliamo difendere quello che siamo riusciti a conquistare lo scorso anno. E sono certo che lotteremo sino alla fine per riuscirci". Innegabile, però, che una sconfitta comprometterebbe i piani. "Per prima cosa dobbiamo approcciare alla partita e dimostrare chi siamo e quello che siamo in grado di fare. Sono consapevole che all'interno della sfida si nascondono tantissime difficoltà ma anche convinto che avremo l'opportunità di fare risultato. I miei calciatori hanno già dimostrato di saper tirare fuori dal cappello prestazioni straordinarie".