Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Zidane a Parigi fra passato, nostalgia e un… possibile futuro al PSG

PARIS, FRANCE - AUGUST 14:  Mauricio Pochettino, head coach of Paris Saint- Germain looks on during the Ligue 1 Uber Eats match between Paris Saint Germain and Strasbourg at Parc des Princes on August 14, 2021 in Paris, France. (Photo by David Rogers/Getty Images)

Djorkareff posta una foto... nostalgica. Difficile non emozionarsi per i tifosi francesi. Ancora più complicato, per quelli del PSG non pensare a un avvicendamento fra l'ex allenatore del Real Madrid e Pochettino.

Redazione Il Posticipo

Metti una sera insieme Djorkaeff, Zidane, Leboeuf, Boghossian, Lizarazu e Barthez a Parigi. Difficile trattenere le lacrime per i tifosi che hanno visto, per la prima volta, la Francia issarsi in cima al mondo. Ancora più complicato, per i tifosi del PSG non pensare a un avvicendamento fra l'ex allenatore del Real Madrid e Pochettino. La tesi è sostenuta in Spagna e in Francia, come riportato prima dall'Equipe e poi da AS, sono convinti che presto Pochettino possa essere sollevato dall'incarico.

GENNAIO - Non è una questione di "se", ma di "quando". E in questa ottica tutto lascia credere che l'addio al tecnico argentino e il cont(r)atto con Zidane possa consumarsi nel prossimo gennaio. La figura di Pochettino, in questi mesi, si è sempre più sbiadita nonostante gli undici punti di vantaggio sui diretti inseguitori in campionato. L'assenza quasi totale di gioco, le difficoltà incontrate da Leo Messi, una gestione non limpidissima della gestione di uomini e scelte hanno innescato una sorta di bomba a orologeria, pronta ad esplodere in qualsiasi momento. L'Équipe sottolinea che Pochettino ha una flessibilità con i giocatori che, alla lunga, non va a vantaggio della squadra, specialmente quando le cose non funzionano gli manca il carattere per ribaltare la situazione. Accontentare tutti significa, agli occhi dei critici del tecnico argentino, non essere in grado di gestire con mano ferma la situazione.

SPOGLIATOIO - Da non trascurare anche la posizione assunta dallo spogliatoio. Molte stelle non sarebbero soddisfatte della gestione tattica del tecnico argentino. Negli ultimi mesi il PSG è diventato una squadra che punta molto, se non tutto, sulla giocata del talento individuale. Questione di equilibri tattici, ovvero una delle doti in cui eccelle Zidane. L'allenatore francese ha già ampiamente mostrato le sue doti di lettura del match e di gestione degli uomini, tenendo saldamente le redini di uno spogliatoio non certo facile come quello del Real Madrid portando in dote alla Casa Blanca anche tre Champions. Un curriculum da "top" che si sposa con la filosofia di un club che non ha mai avuto, un "fuoriclasse" in panchina. Gennaio sembra il momento giusto per rimediare...