Zenga rincara la dose: “Il gol annullato a Simeone? Una regola inventata da chi ama il calciobalilla”

Zenga rincara la dose: “Il gol annullato a Simeone? Una regola inventata da chi ama il calciobalilla”

Il tecnico non ci sta. In conferenza stampa, nel presentare la sfida contro la Fiorentina, torna sulla sfida persa con l’Atalanta.

di Redazione Il Posticipo

Walter Zenga, non ci sta. In conferenza stampa, nel presentare la sfida contro la Fiorentina, torna sulla sfida persa con l’Atalanta. Il gol annullato a Simeone, proprio non lo digerisce.

CALCIO BALILLA – L’allenatore parla della sfida che potrebbe lanciare il Cagliari in zona Europa, ma si toglie anche l’ultimo sassolino dalla scarpa. “Dobbiamo pensare alla gara di domani, perché bisogna pensare ogni partita singolarmente”. Contro l’Atalanta si è vista una buona partita. “Bisogna sempre guardare il corso di una sfida, come si sviluppa e le varie situazioni che si creano: in 11 contro undici  abbiamo creato come e quanto l’Atalanta, anche perché il gol annullato a Simeone, per via di una regola inventata da uno cui piace il calciobalilla, con omini senza braccia, poteva cambiare tutto. Poi siamo rimasti in 10 contro una squadra che ha fatto 83 gol…”

STANCO – LA squadra è apparsa stanca ma il tecnico respinge al mittente anche questa osservazione. “Se Cragno è stato il migliore in campo non vedo dove sia il problema: a me la squadra è piaciuta, come mi è piaciuta a Bologna. In Emilia però c’era un’emergenza incredibile. Calciatori che hanno giocato con le iniezioni. Questi ragazzi meritano rispetto, io li difendo perché si allenano al massimo e fanno tutti grandi sacrifici. Nelle ultime due partite abbiamo giocato 120′ alla grande, gli altri 60 in inferiorità numerica, ma i numeri vanno letti in modo obiettivo”. All’andata il Cagliari spiccò il volo. “La Fiorentina è una ottima squadra, Iachini un grande amico. A volte capitano annate del genere. Non si possono fare paragoni rispetto ad allora, sono due mondi completamente differenti e imparagonabili. Ho solo detto ai ragazzi di poter ricordare quei momenti, ma oggi è una situazione diversa”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy