Zenga: “Per una volta nella vita vorrei continuità, ma mi avete già fatto fuori…”

Zenga: “Per una volta nella vita vorrei continuità, ma mi avete già fatto fuori…”

Il Cagliari si regala una vittoria di prestigio. E Zenga tanta fiducia.

di Redazione Il Posticipo

Il Cagliari si regala una vittoria contro la Juventus e Zenga si guadagna un po’ di fiducia dopo le voci che lo davano con i giorni contati in Sardegna. Il tecnico ha analizzato la sfida ai microfoni di Sky Sport.

CONVINCENTE – Non era la Juventus tipo, ma neanche il Cagliari. “Questa è una partita che i ragazzi meritavano di giocare perché siamo arrivati a questa sfida contati e con pochissime armi. Sono contento per la squadra e per la gente. Ho visto  atteggiamento, voglia e attenzione. Sono cose belle. Io ho preso una squadra al 18 di maggio, ma non l’ho mai allenata come avrei voluto. Abbiamo provato qualche azione in allenamento e l’abbiamo visto in campo. Se alleno ogni settimana posso togliermi qualche soddisfazione. Ma sento parlare di Liverani, mi avete già fatto fuori”.

FUTURO – Restano altri 90′ contro il Milan. E poi il futuro sarà chiaro. La decisione non è definitiva. “Non c’è alcun problema, è normale raccogliere voci e si scrivano delle cose. Non condivido né mi piace che una vittoria o un pareggio possa far cambiare idea sull’allenatore. A me piacerebbe, una volta nella vita, impostare un lavoro come De Zerbi a Sassuolo o Liverani a Lecce. Se io riesco a lavorare con calma, probabilmente qualcosa posso tirar fuori. L’unica volta che ho fatto più di un anno è stato a Catania. Dovevo fare un altro anno. Alla Sampdoria ero nono e poi quasi retrocedono. A Crotone siamo retrocessi immeritatamente. Il nostro obiettivo è migliorare i 47 punti e ancora ce la possiamo fare. Quando ho la soddisfazione di far segnare un ragazzo come Gagliano, posso andare a casa contento”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy