Zenga: “Ho preso più applausi io di tutti i giocatori dell’Inter…”

Zenga strappa più applausi di tutti i giocatori dell’Inter messi insieme. La sfida di San Siro lascia in eredità un segnale molto forte…

di Redazione Il Posticipo

Walter Zenga a caldo dopo Inter-Crotone, intervistato da Sky: “Ogni volta che vengo a San Siro la curva e tutto lo stadio mi riconosce qualcosa, come se avessi smesso un anno fa. È il riconoscimento più bello. Al netto dei trofei, conta la riconoscenza per quello che hai fatto. Il Crotone? Magari non brilla per possesso palla ma siamo coraggiosi, andiamo a giocarcela, attacchiamo alto. Se comunque giochi a San Siro, rischi di perdere. E allora tanto vale provarci. Oggi è andata bene.  Per proporre questa idea di calcio è fondamentale essere credibili. Ho detto ai ragazzi di divertirsi perché San Siro è uno stadio bellissimo per giocare a calcio. Sono contento per Eder. È un mio giocatore e un uomo vero. Con me ha segnato nove gol in dodici partite, ero strafelice per lui. L’Inter? Non mi permetto assolutamente di giudicarla. Ammiro Spalletti, è l’allenatore giusto. Posso parlare delle mie emozioni e non posso nascondere che questa non sia una partita come le altre. Ho giocato 473 partite con l’Inter, sono sceso dalla curva a bordo campo sino ai pali. Dire che è una partita come tutte le altre significa rinnegare la mia storia. Ho preso più applausi io di tutti i calciatori. Beh, in fondo non vale. Ho anche giocato più partite con l’Inter di quasi tutti loro messi insieme…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy