Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Zè Roberto prevede il ritiro di CR7: “Non credo che a 40 anni giocherà ancora perchè nelle ultime stagioni…”

MANCHESTER, ENGLAND - SEPTEMBER 11: Cristiano Ronaldo of Manchester United looks on during the Premier League match between Manchester United and Newcastle United at Old Trafford on September 11, 2021 in Manchester, England. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

A vent'anni dal suo arrivo sulla scena del pallone mondiale, il portoghese non ha alcuna intenzione di lasciare. Ma qualcuno, come Zè Roberto. comincia a suggerire che potrebbe essere arrivato il momento di pensare a un dopo...

Redazione Il Posticipo

In una recente intervista, Cristiano Ronaldo ha toccato un argomento che interessa un po' tutto il mondo del calcio: il suo possibile ritiro. A vent'anni dal suo arrivo sulla scena del pallone mondiale, il portoghese non ha alcuna intenzione di lasciare. Anzi, ha spiegato che sta lavorando per poter continuare ancora qualche stagione ad altissimi livelli. Resta da vedere se il suo corpo sarà d'accordo. Certo, vista l'attenzione maniacale alla forma fisica, sarà impossibile rimproverare al cinque volte Pallone d'Oro di non aver fatto il possibile per tenersi al massimo, ma gli anni passano per tutti. E qualcuno, come Zè Roberto, comincia a suggerire che potrebbe essere arrivato il momento di pensare a un dopo...

40 ANNI - Il brasiliano è uno che di longevità agonistica se ne intende, considerando che ha smesso di giocare a 43 anni e che a quasi 48 è ancora in forma smagliante. Ma come ha spiegato a SkySports, quello di CR7 è un caso speciale. "Cristiano per me è una macchina, ma non credo che a 40 anni giocherà ancora". Per il vicecampione del mondo 1998, sarà la competitività del portoghese a farlo decidere per l'addio. "Il perchè? Parliamo di un calciatore che è sempre stato a livelli altissimi, ha sempre vinto trofei e ha sempre cercato di essere il miglior calciatore del mondo". Un qualcosa che però negli ultimi anni gli è stato reso complicato da un avversario forse imbattibile: il tempo.

ULTIME STAGIONI - "Nelle ultime due stagioni da quello che ho visto non è stato ai suoi livelli, nè alla Juventus nè al Manchester United. E la prova di questo è il fatto che non è stato più nella top 3 quando si è trattato di scegliere il miglior calciatore del mondo". Dunque, come ha chiosato qualche giorno fa anche il francese Frank Leboeuf, possibile che CR7 decida di appendere gli scarpini al chiodo prima di diventare un calciatore...come tutti gli altri. "Per qualcuno che come lui è abituato a competere ai massimi livelli, arriverà un momento in cui deciderà che è meglio fermarsi". Ma CR7, si sa, è particolarmente...testardo. E se vorrà arrivare ai 40 anni in campo, difficile che qualcuno che non sia lui stesso glielo possa impedire...