Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Xhaka, dall’addio già scritto…al ritorno da capitano: “Mai dire mai, se l’Arsenal mi offrisse la fascia…”

Meno di un anno fa, l'esperienza di Granit Xhaka all'Arsenal sembrava ai titoli di coda, con il suo trasferimento a Roma che pareva imminente. Ma lo svizzero è rimasto all'Emirates e ora...potrebbe riprendersi la fascia da capitano...

Redazione Il Posticipo

A volte ritornano e...si riprendono anche la fascia. Meno di un anno fa, l'esperienza di Granit Xhaka all'Arsenal sembrava ai titoli di coda. Il centrocampista svizzero era l'obiettivo principale di Josè Mourinho per il primo mercato della sua Roma e l'approdo dell'elvetico a Trigoria pareva soltanto questione di "quando" e non di "se". Del resto, il rapporto con la società e con il tecnico Arteta aveva avuto parecchi scossoni, dunque era logico aspettarsi una separazione più o meno consensuali. Ma visto che il calcio è strano e sa regalare parecchie sorprese, Xhaka non solo ha deciso di rinnovare con il club e di non andarsene, ma è anche tornato fondamentale per i Gunners.

CONTESTAZIONE - Al punto che ora la possibilità di vestire di nuovo la fascia da capitano, che aveva perso nel 2019 ai tempi di Emery dopo uno scontro con la tifoseria, non è così remota. Lo spiega il Sun, che ricorda le minacce personali e alla famiglia dello svizzero e la clamorosa contestazione subita contro il Crystal Palace, terminata con il calciatore che getta via la maglia tra i fischi del pubblico dell'Emirates. Una situazione che aveva portato il club a togliere la fascia a Xhaka e a darla ad Aubameyang. Peccato che anche il centravanti abbia avuto i suoi bei problemi e che ora sia alla corte di Xavi a Barcellona, lasciando il simbolo della leadership a Lacazette. Ma nel frattempo i rapporti tra l'elvetico e la tifoseria sono tornati...perlomeno normali.

CAPITANO - E quindi, quando ai microfoni di SkySports chiedono al centrocampista della possibilità di tornare a essere il capitano, la risposta è sibillina. "Mai dire mai. Non ero ancora pronto e poi si può essere capitano e guidare i compagni anche senza la fascia al braccio. Ma se domani venisse qualcuno del club a chiedermi di indossarla di nuovo, lo farei, perchè sono di nuovo pronto per farlo". Per quanto riguarda i tifosi, il passato sembra passato. "Ho avuto risposte positive sia dal vivo che sui social media ed è un qualcosa che mi rende orgoglioso di me stesso. Poi ci sono ancora persone che non cambiano idea su di me, ma va bene, l'importante è come mi sento io. E io sto benissimo". Dunque, chissà che la fascia non torni sul braccio dello svizzero...