Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Xavi: “Sono un novellino rispetto al Cholo ma ho un’altra idea di gioco e senza il possesso palla soffro…”

BARCELONA, SPAIN - NOVEMBER 20: Head coach Xavi Hernandez of FC Barcelona directs his players during the La Liga Santander match between FC Barcelona and RCD Espanyol at Camp Nou on November 20, 2021 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Un 4-2 convincente, analizzato dal tecnico del Barcellona in conferenza stampa senza perdere l'occasione per restituire la frecciata a Simeone.

Redazione Il Posticipo

Xavi si porta a casa i tre punti e soprattutto la bontà delle sue idee ribadite al termine della sfida contro l'Atletico. Un 4-2 convincente, analizzato dal tecnico del Barcellona in conferenza stampa senza perdere l'occasione per restituire la frecciata a Simeone. Le sue parole sono riprese da AS. 

CONTENTO - Xavi non può che essere soddisfatto sia del risultato che della prestazione. "Sono contento della partita, potrebbe essere una svolta per il futuro ma restiamo umili non è certo la vittoria più importante della storia del club. Sono tre punti in classifica ma hanno un grande peso perché la squadra è riuscita a limare tanti piccoli difetti che hanno caratterizzato le sfide precedenti. Adesso è vietato fermarsi, sarebbe il momento di vincere due o anche tre partite di fila. Ci darebbe morale. Se manterremo questa solidità difensiva sarà tutto molto più facile ".

SIMEONE - Una vittoria anche dello stile di gioco. Se ne era parlato tanto alla vigilia. "Non cerco di creare degli antagonismi. Si possono usare 200mila modi diversi per giocare a calcio. Se Simeone non prende gol è già soddisfatto. Io, se la mia squadra non ha il possesso palla, vado in sofferenza. Cholo è comunque un grande allenatore e io al suo cospetto sono solo un novellino. Ho un rispetto incredibile per lui anche se le nostre filosofie di gioco non collimano".

BARCELONA, SPAIN - NOVEMBER 20: Head coach Xavi Hernandez of FC Barcelona directs his players during the La Liga Santander match between FC Barcelona and RCD Espanyol at Camp Nou on November 20, 2021 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

DEMBELE - Resta da chiarire il caso legato a Dembélé. Il calciatore non ha ricevuto una bella accoglienza. Quando l'altoparlante ha scandito il suo nome, sono piovuti diversi fischi. "Non metterlo in campo è una scelta tecnica ma questo non significa che il ragazzo vada fischiato. Nelle mie intenzioni avrebbe dovuto giocare nel secondo tempo ma la situazione venutasi a creare con il rosso a Dani Alves e il risultato mi hanno imposto di prendere decisioni differenti. Sarebbe stata una delle chiavi per aprire la difesa dell'Atletico e attaccare la profondità se si fossero chiusi a riccio dietro".