Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Xavi: “Se non vinco faccio la stessa fine di Setien. Matias Messi si è scusato, tutti sbagliano”

Xavi: “Se non vinco faccio la stessa fine di Setien. Matias Messi si è scusato, tutti sbagliano” - immagine 1
Il tecnico del Barcellona a tutto campo prima della sfida con il VIllarreal.

Redazione Il Posticipo

Xavi, alla vigilia della sfida contro il Villarreal che significa anche il ritorno di Setien contro il Barcellona, ha parlato della sfida in programma allo stadio della Ceramica e provato a minimizzare le dichiarazioni che il fratello di Messi sul Barça in streaming. Le sue dichiarazioni sono riprese da AS.

LIGA

—  

Una sfida fondamentale per allungare sul Real impegnato a salire sul tetto del mondo. "Setién ha un modello di gioco simile al nostro. Lo ritengo un grandissimo allenatore e lo rispetto molto. Non so cosa sia successo, né mi interessa. A quei tempi ero in Qatar. Non so cosa sia successo in quel periodo e non mi interessa esserne messo a conoscenza. I tecnico dipendono dai risultati. E se non vinco quel che è successo a lui accadrà anche a me. Non ho alcuna priprità fra Liga ed Europa League. Non faccio calcoli. Mi interessano solo i tre punti.  Vincere significa mettere enorme pressione al Real, che si troverebbe a -11".

ANSU

—  

Il suo Barcellona è fra i migliori di sempre, eppure non è esente da incognite. Come il rendimento di Ansu e il futuro di Busquets. "Ansu per me è incedibile. Non capisco perché a questo punto della stagione e con il mercato ferma si debba parlare di trattative. Ho enormi speranze riposte su di lui. E invito anche ad avere maggiore pazienza con i giovani. Io ne ho avuta tanta, ho giocato per tre anni con il 26 sulla schiena prima di diventare Xavi e dunque non serve avere troppa fretta né mettere troppa pressione. Quanto a Sergio, sa benissimo cosa pensiamo di lui.  È un giocatore molto importante. È una leggenda vivente. Ciò che deciderà determinerà ciò che faremo ma dipende tutto da lui".

MESSI

—  

Inevitabile parlare delle dichiarazioni del fratello di Messi. "Se si è scusato, e per me tutto finisce così. Conosco bene la famiglia di Messi. Sono persone riconoscenti e umili. Hanno lavorato sodo per raggiungere i livelli che conosciamo ed essere dove sono. A volte tutti  commettiamo errori. Sono il primo a chiedere scusa quando sbaglio e Matías ha l'ho fatto. Non dovrebbe essere un discorso a cui dare ancora più importanza".