Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Xavi risponde alle insinuazioni: “Mi sorprende che dicano che non rispettiamo le regole, qui è tutto legale”

Xavi risponde alle insinuazioni: “Mi sorprende che dicano che non rispettiamo le regole, qui è tutto legale” - immagine 1
Nonostante i debiti, l'accordo per la cessione anticipata dei ricavi dei diritti TV ha permesso ai blaugrana di fare mercato. Un qualcosa che sta facendo scalpore e ha portato anche a prese di posizione piccate, a cui il tecnico ha voluto rispondere.

Redazione Il Posticipo

La missione di Xavi non è semplice. L'ex centrocampista è arrivato sulla panchina del "suo" Barcellona in un momento storico assai complicato, tra i problemi economici e quelle tecnici, compreso l'addio di Leo Messi. Ma se c'è qualcuno che sa come si vince al Camp Nou, quello è sicuramente il metronomo dei blaugrana e della Spagna campione di tutto. E infatti l'allenatore del Barça non si nasconde dietro a un dito. In dichiarazioni raccolte da AS, Xavi affronta le mosse di mercato del club, ma anche alcune situazioni particolari che riguardano...vecchi amici.

Il mercato nonostante i debiti

Il Barcellona al momento è sotto i riflettori. Nonostante i debiti, l'accordo per la cessione anticipata dei ricavi dei diritti TV ha permesso ai blaugrana di fare mercato. Un qualcosa che sta facendo scalpore e ha portato anche a prese di posizione piccate, non ultime quelle di Nagelsmann e di Gary Neville. Ma Xavi ci tiene a spiegare che non c'è nulla di strano e che chi pensa a un Barça in crisi ha capito male. "Non ho la sensazione che ci abbiano dati per morti. Però abbiamo visto dichiarazioni particolari, mi sorprende che dicano che non rispettiamo le regole. Qui è tutto legale". E della pressione di dover portare risultati, c'è una certa consapevolezza. "Non mi nascondo, la rosa che stiamo costruendo è fatta per vincere".

Piquè e Messi

Futuro, ma anche presente. Con l'arrivo di Koundè, la concorrenza per Piquè aumenta. E viste le voci di addio di qualche mese fa, forse il catalano non apprezzerà altri compagni di reparto in grado di metterlo in ombra. Un problema che però il tecnico non si pone e che affronta con la promessa di non fare favoritismi. "La situazione di Piquè è la stessa degli altri, partono tutti da zero e competono per un posto in squadra. Più soluzioni ho a disposizione, meglio è". E poi il grande sogno: il ritorno di Messi... "È un'idea che il club ha, ma non per questa stagione. Ovviamente mi sarebbe piaciuto che le cose non fossero andate così, Messi merita un'ultima opportunità di dimostrare che è il miglior giocatore della storia. Sì, mi piacerebbe vederlo di nuovo qui". Decisamente quello che pensano tutti i tifosi del Barcellona...