Xavi: “Maradona si sbaglia, Leo è un leader bestiale. E tornerà in Nazionale”

Xavi: “Maradona si sbaglia, Leo è un leader bestiale. E tornerà in Nazionale”

L’ex capitano del Barcellona è tornato sull’argomento della settimana per quel che riguarda la Pulce: le parole di Maradona, che non vede nel numero 10 blaugrana un vero leader.

di Redazione Il Posticipo

Per sapere qualcosa di Messi, difficile trovare un esperto maggiori rispetto a Xavi Hernandez. L’ex capitano del Barcellona, attualmente ancora in campo con la maglia dell’Al Sadd, non ha mai nascosto il suo amore calcistico per la Pulce e ha spesso dichiarato, anche con largo anticipo rispetto al resto del mondo, che l’argentino è il migliore di tutti i tempi. E in un’intervista a Radio Trinidad, è tornato sull’argomento della settimana per quel che riguarda il suo ex compagno di squadra. Le parole di Maradona, che non vede nel numero 10 blaugrana un vero leader.

LEADER – “Per come la penso io, vedo in Messi un leader incredibile, sia dentro che fuori dal campo. Forse è un leader più tranquillo negli spogliatoi, perchè parla poco. Ma è un leader assoluto, vuole sempre la palla, si offre sempre, ha personalità, non si è nascosto. L’ho avuto come compagno di squadra per anni e ci ha sempre messo la faccia, ha guidato il gruppo. E mi sembra un calciatore con una capacità di leadership assoluta, quasi bestiale. In questo senso non sono d’accordo con Maradona. Ma, come si dice, le opinioni sono opinioni e ognuno ha la sua”. Una difesa che può sembrare quasi…d’ufficio, ma che è rinforzata dalle dichiarazioni successive. “Non mi piace quando gli ex giocatori sono così critici nei confronti dei colleghi. Sono stati lì, conoscono la difficoltà del calcio. Non capisco le forti critiche nei confronti di un giocatore di calcio quando lo sei stato anche tu…”.

ALBICELESTE – Messi in calo? Assolutamente no. “Ha solo 31 anni, io ne 35 e mi sento ancora molto bene e in grado di giocare a calcio ad altissimi livelli. Quindi Leo può regalarci ancora molti anni di divertimento”. Magari anche con la maglia dell’Argentina… “Penso che tornerà in Nazionale, perché non dovrebbe? Ha bisogno di tempo per riflettere, riposare, e alla fine è una decisione che spetta a lui e all’attuale allenatore. È il miglior giocatore del mondo e, opinione mia, della storia del calcio, ed è lui che avrà l’ultima parola. Ma penso di sì, che prima o poi vorrà tornare in Nazionale perché è una persona molto competitiva, è una bestia competitiva e vorrebbe provare a vincere con l’Argentina. Tornerà “. Da leader, nonostante quel che dice Diego.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy