Wijnaldum: l’ex ginnasta che si chiamava…Boateng, diventato calciatore grazie alla nonna

L’Olanda vince per 2-0 contro la Francia e si guadagna la possibilità di accedere alla fase finale del torneo. Protagonista dell’incontro Wijnaldum, uno dei pilastri della Nazionale olandese, diventato calciatore grazie ai consigli di…nonna Francina.

di Redazione Il Posticipo

Calciatore grazie ai consigli…di nonna Francina. Se Georgino Wijnaldum gioca come professionista deve molto alla nonna. Il talento, ovviamente, è farina del suo sacco, ma le scelte prese nel corso della vita, e che lo hanno portato a vestire la maglia della Nazionale olandese, sono state influenzate in larga parte dalla nonna. Una storia su cui si potrebbe scrivere un libro, e che ha visto il calciatore vicino al diventare un ginnasta.

NONNA – Più che una nonna, quasi una mamma. Wijnaldum, all’età di 6 anni, vede i genitori divorziare e la mamma trasferirsi ad Amsterdam. Il piccolo Georgino non ne vuole sapere di trasferirsi, e rimane a Rotterdam con la nonna. Un’infanzia instabile, che lo ha portato anche a prendere, per un breve periodo, il cognome del patrigno di origini ghanesi, diventando così Georgino Boateng. Una scelta, comunque, rinnegata quasi subito: “Non sono mai stato ghanese. Ho origini esclusivamente surinamesi”.

GINNASTICA – A mettere stabilità nella vita del calciatore, come raccontava all’epoca il sito del Feyenoord, è la nonna, che, come prima cosa, lo spinge a lasciar perdere la ginnastica. Wijnaldum, infatti, all’inizio non ne voleva sapere nulla del calcio, con il suo unico sogno rappresentato dal diventare un ginnasta o un acrobata. Gesti troppo pericolosi per la nonna, che, insieme ad uno zio, lo indirizza verso il mondo del pallone. Mai decisione fu più saggia: prima le giovanili dello Sparta Rotterdam per poi passare a quelle del Feyenoord, dove diventa il più giovane calciatore ad esordire in prima squadra (16 anni). Dopo quattro anni Wijnaldum passa al  PSV, poi al Newcastle ed infine il Liverpool, squadra in cui milita tutt’ora.

OLANDA – Grazie nonna, quindi, per uno dei calciatori su cui si basa il nuovo ciclo dell’Olanda, che, dopo anni di buio, sembra finalmente pronta a tornare al vertice del calcio europeo. La vittoria per 2-0 contro la Francia, regala agli oranje una grande possibilità di accedere alla fase finale della Nations League, in uno dei gironi più complicati del torneo. In gol al 44′ (1-0), Wijnaldium ha replicato la grande prestazione messa a segno contro la Germania (vittoria per 3-0, anche contro i tedeschi in gol).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy