Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Wenger, dopo 26 anni la nazionale svizzera ci riprova…

LONDON, ENGLAND - FEBRUARY 22: Arsene Wenger manager / head coach of Arsenal during the UEFA Europa League Round of 32 match between Arsenal and Ostersunds FK at the Emirates Stadium on February 22, 2018 in London, United Kingdom. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

Alcuni giocatori sono tornati in campo dopo il ritiro. Anche gli allenatori lo fanno talvolta. E dopo una settimana dal ritorno in panchina di van Gaal si parla del possibile ritorno di Arsène Wenger.

Redazione Il Posticipo

"Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano". Pensieri musica e parole che valgono anche per gli allenatori.. E dopo una settimana dal ritorno in panchina di van Gaal si parla del possibile ritorno in panchina di Arsène Wenger.

THE LAST DANCE - Sono passati solo tre anni dal suo addio all'Arsenal ma ai tifosi, visto il numero degli allenatori cambiati da allora e l'improvviso calo di rendimento nel North London,  sembrerà passato molto più tempo. In realtà l'allenatore francese non ha mai annunciato il proprio ritiro dal ruolo di tecnico, ma ha solo specificato che non tornerà al suo club. Negli ultimi anni, sono diverse le squadre che hanno pensato a lui per la panchina ma finora, a meno che si trattasse di  rumors infondati, ha sempre detto di no. Ora, però un treno che aveva perso nel 1995 passa di nuovo: la Svizzera, secondo la testata svizzera Blick, avrebbe chiesto a Wenger di sostituire Vladimir Petkovic che ha firmato per il Bordeaux.

 BUCHAREST, ROMANIA - JUNE 28: Vladimir Petkovic, Head Coach of Switzerland celebrates with Granit Xhaka of Switzerland after victory in the penalty shoot out in the UEFA Euro 2020 Championship Round of 16 match between France and Switzerland at National Arena on June 28, 2021 in Bucharest, Romania. (Photo by Mihai Barbu - Pool/Getty Images)

IL TRENO - Nel 1995, infatti, la federazione svizzera aveva provato a contattare il tecnico francese che all'epoca era impegnato con il Nagoya Grampus in Giappone. Purtroppo per gli svizzeri, per fortuna del Nagoya prima e dell'Arsenal poi, non se n'è fatto nulla e l'allenatore ha dedicato la propria straordinaria professionalita alla costruzione di una carriera straordinaria a livello di club. Qualora Wenger dovesse accettare stavolta si tratterebbe di un incarico più a corto raggio che prevedrebbe la sua direzione delle qualificazioni ai mondiali e agli eventuali play-off a marzo. Ipotesi sufficiente dividere di più i tifosi dei Gunners: qualcuno gli augura buona fortuna, qualcun altro è un po' infastidito dalla notizia visto che l'Arsenal non vince nulla dalla sua gestione. Eppure è stato a lungo contestato prima di andarsene...