Villas Boas al vetriolo: “Per fare schifo in Champions bisogna almeno arrivarci. L’Europa League è il posto dei perdenti”

Per il Marsiglia, che perde nettamente contro il Porto, 12 sconfitte di fila in Champions League, che vanno a pareggiare il primato che era di proprietà esclusiva dell’Anderlecht. E il tecnico dei francesi ha delle opinioni al riguardo che faranno discutere…

di Redazione Il Posticipo

Il Marsiglia cade contro il Porto e perde la terza partita consecutiva in questa stagione di Champions League. E a vedere bene i numeri, i francesi fanno anche peggio. Anzi, molto peggio, perchè come segnala Goal quello raggiunto dalla squadra transalpina è un vero e proprio record negativo: 12 sconfitte di fila in Champions League, andando a pareggiare il primato che era di proprietà esclusiva dell’Anderlecht. Se si conta anche tutta la Coppa dei Campioni, la striscia peggiore è quella dello Jeunesse Esch, il club del Lussemburgo che ha perso per 16 volte consecutive tra il 1973 e il 1987. Non proprio un obiettivo da tentare di raggiungere.

SCHIFO – Eppure, Andrè Villas-Boas la prende sorprendentemente bene. O quasi. Nelle dichiarazioni post-partita, il portoghese fa un ragionamento che certamente non piacerà ai suoi tifosi, ma che è anche…abbastanza sensato. “Per fare schifo in Champions League, bisogna almeno qualificarsi per la Champions League. Noi ci siamo riusciti e stiamo facendo schifo”. Insomma, bicchiere mezzo pieno. Ma non per quel che riguarda le sconfitte consecutive. “Il record di partite perse di fila è una vergogna per tutti noi”. E ora, con tre batoste in altrettante partite, è quasi impossibile sperare nella qualificazione alla fase ad eliminazione diretta. E bisognerà perlomeno cercare di acciuffare il posto in Europa League.

EUROPA LEAGUE – Un’idea che però non fa impazzire il tecnico portoghese. “L’Europa League è il posto dei perdenti. Non è un fatto positivo, è quando non riesci ad andare avanti e ti qualifichi per l’Europa League. Non è una grande gioia, ma è il minimo sindacale. È un obiettivo possibile perchè giochiamo in casa contro Olympiakos e Porto. Ma non mi preoccupo di questo, quanto di dare un’immagine migliore di quella data finora. In campionato stiamo andando un po’ meglio, la cosa buona è che la Champions sta per finire, perchè giochiamo parecchie partite una dopo l’altra”. Insomma, la Champions è un problema e l’Europa League è un ripiego neanche troppo gradito. Più o meno…quanto Villas Boas!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy