Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Vidal, presidente modello: il centrocampista non taglia gli stipendi alla sua squadra in Cile

La crisi economica che colpisce il mondo del calcio a causa dell'epidemia di coronavirus sta costringendo molti presidenti a diminuire gli stipendi sia a chi va in campo che a chi lavora dietro alle quinte. Non è però il caso del Rodelindo...

Redazione Il Posticipo

La crisi economica che colpisce il mondo del calcio a causa dell'epidemia di coronavirus sta costringendo molti presidenti, soprattutto quelli dei club minori, a soluzioni d'emergenza per affrontare la totale mancanza di entrate del calcio. E quindi molte squadre chiedono aiuto allo stato, utilizzando cassa integrazione o ammortizzatori sociali simili, mentre altre sono costrette a diminuire gli stipendi sia a chi va in campo che a chi lavora dietro alle quinte. Non è però il caso del Rodelindo Román, un club della Terza divisione cilena. Il numero uno della società non si tira indietro. Anche perchè, quando c'è da lottare, Arturo Vidal è sempre in prima linea.

TWITTER - Il centrocampista cileno del Barcellona ha acquistato la squadra con cui ha cominciato a tirare calci a un pallone quando era bambino, prima di spiccare il volo con il Colo-Colo e di cominciare l'avventura in Europa. E il Rodelindo Román ha fatto sapere attraverso il suo profilo Twitter che, nonostante le difficoltà del momento in Cile, che hanno portato anche i calciatori della massima serie a non ricevere gli stipendi, non saranno richiesti sacrifici nè ai calciatori, nè allo staff. "Il Rodelindo Román rispetterà i contratti vigenti e aiuterà la rosa fino a quando non sarà possibile riprendere l'attività calcistica".

VIDEOCHIAMATA - Un bel gesto da parte di Vidal, che dalle vie di Santiago del Cile ha fatto tanta strada, ma che non dimentica l'importanza della squadra che lo ha fatto nascere, calcisticamente parlando. E il club fa forza ai suoi tifosi: "Usciremo da questa situazione affrontandola e lo faremo tutti assieme". Nel frattempo, la squadra si allena in videochiamata, come spiega a Sport Mario Cáceres, un membro dello staff: "Siamo tranquilli, tutti molto motivati, ci alleniamo in videochiamata. Si lavora in tre gruppi. E questa decisione del club ci tranquillizza. I calciatori ricevono aiuti che non sono enormi, ma sono comunque felici". Così come lo sarà Vidal di aiutare il "suo" Rodelindo Román.