Retroscena: King Artur? Siamo inglesi, non ci fidiamo

Sia il Manchester City che lo United erano interessate al cileno ma il costo dell’operazione e il doppio infortunio al ginocchio ha spinto le due inglesi a non investire su un’ operazione giudicata troppo rischiosa

di Redazione Il Posticipo

Clamoroso retroscena di mercato svelato dal Sun: Il Manchester United e il City hanno perso la possibilità di firmare Arturo Vidal il mese scorso, perché non si sarebbero fidati delle condizioni del ginocchio del centrocampista cileno: la carta d’identità e l’infortunio avrebbero giocato un ruolo fondamentale nella scelta dei due club.

GINOCCHIO – Entrambe le squadre di Manchester sarebbero state, ovviamente in periodi diversi, vicine al giocatore cileno ma di fronte alle richieste del Bayern, sommate alle condizioni del ginocchio, hanno lasciato cadere la trattativa. Il timore? Nel dubbio che Vidal avrebbe potuto soffrire la grande fisicità del calcio inglese e aver perso elasticità e aggressività, meglio non investire una somma così ingente.

CONTROLLO – Fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio: il detto vale anche oltremanica e, per certi versi anche in Spagna: a quanto sembra, il ginocchio di Vidal, già finito due volte sotto i ferri, sarà particolarmente “attenzionato” dallo staff medico del Barcellona che solo dopo la ragionevole certezza della resistenza e dell’affidabilità dell’articolazione, chiuderà l’accordo con una firma che legherà Vidal e il Barcellona per i prossimi tre anni con un contratto di nove milioni di euro a stagione: le presentazione ufficiale però sarebbe ancora rimandata al superamento delle visite mediche. E solo allora, Vidal potrà definirsi, secondo il Sun, un nuovo giocatore del Barcellona.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy