Victor Baia: “Juventus fortissima, ha vinto due Champions. Proprio come noi. Ce la giocheremo”

L’ex portiere, attualmente vice presidente del Porto, rispetta ma non teme i bianconeri.

di Redazione Il Posticipo

Juventus – Porto. Un abbinamento che non può scontentare i bianconeri, che si sono guadagnati un ottavo di finale alla portata andando a vincere a Barcellona. Molto meno soddisfatti i portoghesi che seppur consapevoli di dover affrontare un avversario complicato potevano sperare in un sorteggio più complicato. Victor Baia, vice presidente del club, ha commentato al quotidiano “A Bola” l’esito dell’urna. E non si sente affatto battuto.

FILOSOFIA – Victor Baia ha appreso la notizia con filosofico distacco. “Quando si arriva a questa fase del torneo, qualsiasi avversario avessimo pescato sarebbe stato comunque molto complicato. Crediamo comunque in noi stessi e cerchiamo di non dare mai per scontato nessuna partita. Ecco perché crediamo sia possibile superare il turno e arrivare ai quarti di finale. Il Porto è una squadra molto esperta e ha una grande esperienza in questo tipo di competizione. Giocare partite di questo livello appartiene al DNA del club. Affrontare i migliori club d’Europa rientra sia nella storia del Porto che nella filosofia del suo allenatore”.

PORTO, PORTUGAL – NOVEMBER 28: Moussa Marega of FC Porto scores his sides third goal during the UEFA Champions League Group D match between FC Porto and FC Schalke 04 at Estadio do Dragao on November 28, 2018 in Porto, Portugal. (Photo by Octavio Passos/Getty Images)

GIOCHIAMOCELA – L’ex portiere, pur consapevole delle difficoltà insite nel doppio confronto, non accantona affatto l’idea di potersela giocare alla pari. “Ci arrenderemo solo quando il campo ci dirà che non avremo più alcuna possibilità di qualificarci e l’arbitro fischierà la fine della partita. Questa sfida si giocherà a febbraio e il ritorno a marzo. Possono cambiare tantissime situazioni, spesso le qualificazioni sono legate a delle sfumature. La Juventus è una delle squadre più forti del mondo, ma nella sua storia ha vinto due Champions. Esattamente come noi. E anche a livello nazionale i titoli si equivalgono. Li rispettiamo ma non abbiamo paura”.

CR7 – La differenza potrebbe essere nei piedi di Cristiano Ronaldo, sempre molto atteso in patria. Almeno quanto è amato: “Si parla del miglior giocatore portoghese di tutti i tempi. Cristiano Ronaldo è un orgoglio nazionale, ma sarà un avversario. Spero non sia nella sua giornata migliore”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy