Vestirsi ad Halloween da…Alisson, mostro di bravura e di simpatia!

Vestirsi ad Halloween da…Alisson, mostro di bravura e di simpatia!

La fine di ottobre si avvicina e anche una delle festività più amate dai bambini: Halloween. E un piccolo tifoso del Liverpool va a fare ‘dolcetto o scherzetto’ vestito da Alisson. Perchè è un portiere…mostruoso!

di Redazione Il Posticipo

È entrata nel linguaggio comune l’abitudine di usare forme come “da paura” e “mostruoso” per definire qualcosa di molto positivo. Quindi un film molto bello, anche se non appartiene al genere horror, può diventare un “film da paura”, un artista particolarmente dotato può diventare un “artista mostruoso” o più genericamente, un “mostro di bravura”. E il cervello umano lavora spesso per associazione ed è probabilmente per questo che un giovane tifoso del Liverpool, per Halloween, ha deciso di vestirsi da… Alisson: un portiere “da paura”.

POST – Per una festa in maschera tra bambini per celebrare la festa più fantasmagorica dell’anno, c’era la volontà del piccolo tifoso di vestirsi da “incubo di ogni attaccante”. Il papà, Tristan, grande tifoso dei Reds, ha assecondato il desiderio del piccolo e ne ha addirittura arricchito il travestimento dipingendo, sulla faccia imberbe del figlioletto, la folta barba portata dal numero 13 brasiliano. Dopodiché ha fatto indossare il completo di Alisson al giovanotto, con tanto di scarpini e guantoni, e ne ha postato una foto su Twitter.

TAG – La didascalia inserita da Tristan recita: “Festa scolastica di Halloween – L’incubo di ogni attaccante” aggiungendo il tag del portiere brasiliano. Chi è pratico di Twitter lo sa: è molto facile portare all’attenzione di un personaggio pubblico un post, ma non è detto che questo lo ravvisi in quanto riceverà una media di un migliaio di notifiche al giorno. Quindi, spesso, il tag può essere vissuto o come una sorta di lotteria o come un semplice invito che potrebbe non essere mai raccolto.

LA RISPOSTA – La lotteria, però, Tristan e suo figlio, l’hanno vinta: Alisson Becker, tanta la simpatia espressa dalla foto, non poteva rimanere impassibile e ha commentato il Tweet con delle emoticon: la faccina che ride con le lacrime, una mano che mima l’ok e un’altra con il pollice alzato. Lo sanno tutti, del resto, che l’ex portierone della Roma arrivato al Liverpool in estate, è uno di poche parole che però fa parlare, come nel Tweet di risposta, le proprie mani. Tristan ha poi spiegato sui social che Alisson è il giocatore preferito di suo figlio che è felicissimo del suo arrivo ad Anfield. E che oltre a essere un portiere “da paura” è anche…un mostro di simpatia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy