Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Verratti: “Dalle stelle alle stalle, occorre porsi domande. Non è solo sfortuna, certe partite si chiudono”

Verratti: “Dalle stelle alle stalle, occorre porsi domande. Non è solo sfortuna, certe partite si chiudono”

Il centrocampista analizza con grande lucidità l'accaduto

Redazione Il Posticipo

Marco Verratti fra l'amaro e il critico al termine della sfida con la Macedonia del Nord. La sfida ha lasciato inevitabilmente delle scorie nel gruppo azzurro. Il centrocampista analizza con grande lucidità l'accaduto ai microfoni di Rai Sport. 

SUPERIORI - Il centrocampista del PSG non ha ancora giocato un mondiale. "Eravamo superiori, ci è mancato il gol e l'ultimo passaggio, poi il calcio è così.  Serve cinismo. Una delusione enorme. Partite così bisogna vincerle. L'Italia era assolutamente più forte della Macedonia del Nord ma ci siamo complicati la vita. Certe partite vanno chiuse immediatamente perché poi il rischio di essere beffati è dietro l'angolo. In una partita da dentro o fuori non si può arrivare alla fine ancora sul pareggio perché poi basta una mezza palla ed ecco che succede il patatrac. Si è concretizzato l'incubo peggiore. Bisogna porsi delle domande. Sicuramente c'è stata un po' di sfortuna ma la fortuna va anche cercata per portarla dalla nostra parte".

 GDANSK, POLAND - OCTOBER 11: Marco Verratti of Italy in action during the UEFA Nations League group stage match between Poland and Italy at Gdansk Stadium on October 11, 2020 in Gdansk, Poland. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

AMICI - Verratti però non vuole lasciare che questa sconfitta, per quanto dolorosa, mini la solidità del gruppo azzurro. Adesso è difficile e complicato da spiegare i nostri stati d'animo. Si respirava un'aria triste. Con la squadra che abbiamo c'erano tutte le carte in regola per giocarci il mondiale invece si parla di un disastro. Siamo passati dalle stelle alle stalle. Spiace perché con questi ragazzi abbiamo trascorso momenti speciali, indimenticabili. Sarò sempre fiero dei miei compagni.