Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

VAR, la Premier pensa a una rivoluzione… stile NFL

Polemiche come mai successo prima in Inghilterra. La VAR non convince appieno i tifosi, soprattutto per le scarne spiegazioni fornite sul "come" nascano le decisioni. Ed ecco allora una possibile soluzione...

Redazione Il Posticipo

Premier League come la NFL. Le polemiche susseguenti all'introduzione della VAR hanno generato più di qualche interrogativo all'interno della Football Association. E  i legislatori starebbero valutando, come riportato da Sportbible, l'ipotesi di una soluzione in stile football americano. La proposta consiste nel rendere udibili le parole che si scambiano l'arbitro e chi sta in sala controllo VAR.

CAOS - La proposta sarebbe figlia legittima  della presa di coscienza di un largo malcontento fra il pubblico. Nella sua prima stagione in Premier, la VAR è stata accettata come idea, ma è ben lontana dall'essere considerata un successo fra tifosi, giocatori e allenatori. La sensazione è che regnino confusione e frustrazione. Tutto derivante da una serie di decisioni discusse dal grande pubblico non tanto per quanto accaduto in campo, ma per come siano maturate. Ecco perché l'idea è lanciare una proposta che potrebbe cambiare lo scenario sin dalla prossima stagione.

SOLUZIONE - Secondo Sky Sports, i "legislatori" dovrebbero discutere della possibilità di rendere pubblico e usufruibile a tutti i tifosi l'audio dei discorsi e delle opinioni fra arbitri e assistenti deputati all'analisi del replay. Un po', insomma, come accade nel Football americano. Questo significherebbe che gli spettatori, sia sugli spalti che da casa, potrebbero ascoltare tutto ciò che è stato detto e capire, finalmente, perlomeno il perché di alcune decisioni. Secondo quanto riportato da Sportbible, lasciare il pubblico completamente ignaro sul "come" siano maturate le decisioni  è ciò che, fra tifosi e giocatori, genera maggiore nervosismo. Ovviamente, qualora la possibilità si trasformasse in realtà, non è affatto detto che la soluzione sia immediatamente praticabile. Sarà necessario installare schermi ed impianti ad hoc in grado di riprodurre discussioni. Sarebbe un grande passo, ma resta da capire quanti ostacoli troverebbe...