Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Var, Ancelotti: “Ha migliorato il calcio ma sull’interpretazione fra oggettivo e soggettivo…”

BARCELONA, SPAIN - OCTOBER 03: Carlo Ancelotti, Head Coach of Real Madrid looks on prior to the La Liga Santander match between RCD Espanyol and Real Madrid CF at RCDE Stadium on October 03, 2021 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Il tecnico del Real Madrid prende posizioni abbastanza nette sulle scelte tattiche e sulla VAR. E mostra la porta a chi vuole andarsene. 

Redazione Il Posticipo

Ancelotti a tutto campo alla vigilia della sfida con l'Oasasuna. Il tecnico del Real Madrid prende posizioni abbastanza nette sulle scelte tattiche e sulla VAR. E mostra la porta a chi vuole andarsene.

SPAGNA - Il ritorno di Ancelotti in Spagna è stato segnato dalla crisi del Barcellona e comunque da un calcio profondamente diverso da quello che la lasciato. "Conosco molto bene Xavi come giocatore gli auguro il meglio come allenatore. Non so se la Liga sia migliorata o peggiorata rispetto alla mia prima esperienza. Di certo, è cambiata. Il calcio spagnolo si è globalizzato, si gioca più in verticale e le difese sono più schierate. Non esiste una idea vincente i perdente in assoluto, ma delle soluzioni legate alle caratteristiche dei suoi giocatori".

SCELTE - Ancelotti è ancora convinto che il 4-3-3 sia il vestito adatto per il Real anche se la posizione è negoziabile. Molto meno comprensione, invece, per chi punta i piedi per andarsene. "Tutto è suscettibile di variazioni. Sono e resto convinto che con questo modulo i giocatori si trovano a loro agio. Mi ha soddisfatto nelle ultime partite che abbiamo giocato, soprattutto sotto il profilo difensivo. Penso che possiamo continuare così ma non escludo che in alcuni  momenti della partita, soprattutto nel finale, un attaccante in più può tornare utile in area di rigore". Qualcuno, senza fare nomi, sarà scontento. Un nome non a caso. Hazard. "È chiaro che dobbiamo tenere in considerazione il pensiero di ogni giocatore. Nella mia carriera di allenatore non ho mai costretto un giocatore che vuole partire a restare. Se un giocatore vuole andarsene, deve farlo, non ci sono dubbi”.

VAR - Spazio anche per il VAR, che fa discutere anche in Spagna: "Il VAR è una buona invenzione. In generale questa introduzione ha fatto bene al calcio. Ha sistemato molte cose, soprattutto il fuorigioco, però nell'aspetto che resta legato all'oggettività, come il fallo di mano è un po' più complicato. La polemiche scaturiscono da alcune regole che per me sono complicate. Quando un giocatore è in fuorigioco è fuorigioco mentre la differenza tra l'oggettivo e il soggettivo è sempre un'interpretazione arbitrale. E poi c'è il problema legato al recupero: sul finale le partite sono spesso interrotte. Il tempo effettivo  può essere una soluzione".