Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Valverde gol storico: Real 100 volte vittorioso con il Barcellona ma Piqué è orgoglioso dei suoi

Foto di Eric Alonso / Getty Images

Un clasico che non ha affatto deluso le attese.

Redazione Il Posticipo

Un clasico che non ha affatto deluso le attese. Real Madrid e Barcellona se le danno di santa ragione, la squadra di Xavi riesce a rimontare due volte il risultato prima di arrendersi alla rete, strocica, di Valverde. Il centrocampista della squadra di Ancelotti è l'autore del gol che sancisce la 100esima sconfitta del Barcellona (in 248 precedenti e 123 anni di storia) contro il Real Madrid. I Blancos sono così la prima squadra ad aver centrato questo prestigioso traguardo che sarà anche statistico ma pesa tantissimo in una sfida che è molto più di una partita di calcio. Quinta vittoria consecutiva per il Real Madrid, che insegue la striscia storica di sette supersfide concescutive, risalente al trienno fra il 1962 e il 1965.

INSODDISFATTO - Eppure, il protagonista in questione è insoddisfatto. Non del risultato ma per come sia maturato. Valverde, che è anche il portafortuna del Real nella sfida contro il Barcellona (2 gol altrettante vittorie) ritiene che i blancos dovevano chiudere prima la partita.  "A livello personale sono molto soddisfatto perché abbiamo vinto la partita e il mister mi ha dato la possibilità di scendere in campo. Vi sono però alcuni aspetti da migliorare. Dobbiamo correggere alcune cose, anche perché poco dopo il mio ingresso in campo il Barcellona è riuscito a trovare la rete del 2-2. Ci aspettavamo di affrontare un Barcellona così determinato a vincere, ma noi dovevamo essere più abili a concretizzare la mole di gioco che abbiamo prodotto. Queste tipo di partite vanno chiuse il prima possibile. Adesso dovremo recuperare in vista della finale".

ORGOGLIO - Orgoglioso, nonostante la sconfitta maturata ai supplementari, Gerrard Piquè. Il Barcellona incerottato e sulle stampelle, ha tenuto in piedi la sfida. "È stato una partita molto bella, sicuramente divertente per gli spettatori. Siamo stati competitivi, ma non siamo riusciti a vincere. Ci siamo arrivati vicini, non credo che a questa squadra si possa rimproverare qualcosa, anche se non abbiamo vinto. Il Barcellona ha giocato con coraggio, ci siamo accollati dei rischi clamorosi accettando l'uno contro uno difensivo nei supplementari. Sono orgoglioso di questa squadra, usciamo ma a testa altissima. Non dimentichiamoci che questa squadra è arrivata qui quasi a pezzi, dopo settimane di Covid e mesi piuttosto complicati. Si torna a casa con la consapevolezza di essere vicini più che mai dal tornare a vincere".