Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Valdano rivela il futuro di Messi con l’Argentina: “Mi ha detto ‘se divento campione del mondo…'”

Valdano rivela il futuro di Messi con l’Argentina: “Mi ha detto ‘se divento campione del mondo…'” - immagine 1
Un eroe del 1986 che parla del protagonista del 2022. Jorge Valdano, ai microfoni di Cadena SER, spiega come ha vissuto la finalissima, ma dà anche un indizio su quello che ha intenzione di fare Leo Messi ora che è diventato campione del mondo.

Redazione Il Posticipo

Un eroe del 1986 che parla del protagonista del 2022. Jorge Valdano, ai microfoni di Cadena SER, spiega come ha vissuto la finalissima, ma dà anche un indizio su quello che ha intenzione di fare Leo Messi ora che è diventato campione del mondo.

La finale e Scaloni

—  

Si parte con la finale, un match pazzesco. "Ho vissuto la partita con tantissima tensione, quasi più che nel 1986. È stata una partita dalla tensione tremenda, ma anche una partita di livello superiore. Una grandissima finale, piena di emozioni dal trentesimo del secondo tempo, da quando la Francia ha segnato il 2-1. Quando hanno pareggiato non riuscivo a capire come fosse successo". Non mancano i complimenti a Scaloni, capace di creare un gruppo che si è portato meritatamente a casa la Coppa. "Scaloni è stato voluto da tutti e tutti hanno creduto in lui. Ha preso tutte le decisioni giuste. Ha fatto entrare nel giro della nazionale Enzo Fernández, Mac Allister, Julián Álvarez, giocatori che fino a quel momento non erano neanche sulle figurine. E sono stati giocatori chiave per vincere il mondiale".

Leo e Diego

—  

E poi Leo. Tra i paragoni con Diego e il suo futuro, c'è molto da dire. "Messi e Maradona sono due geni, che hanno marchiato a fuoco i periodi in cui hanno giocato a calcio. La differenza è che Diego in Messico aveva 26 anni, era nel pieno delle sue forze, Leo ne ha 35 e il fisico lo condiziona. Non bisogna solo valutare il genio, ma anche la sua saggezza per capire che si tratta di un calciatore di livello superiore. Non avevo mai visto così tanta gente sperare che una nazionale vincesse per un giocatore. Hanno dato al Re la corona di cui aveva bisogno. Ma non ho mai visto Leo così rilassato e così maturo. Ha subito più pressione che in tutta la sua vita, ma mi sembrava più libero. Sono paradossi del calcio. E vincere la Copa America al Maracanà lo ha aiutato".

Il futuro in nazionale

—  

E adesso, che farà la Pulce? Valdano un indizio lo dà... "In questo mondiale è stato determinante. Una settimana prima di iniziare gli ho fatto un'intervista e a telecamere spente mi ha fatto una battuta. Io gli dico 'beh, sei tra quelli che hanno giocato cinque mondiali'. Ma lui prima di andarsene mi dice 'se divento campione del mondo mi tengo la maglia della nazionale fino al prossimo mondiale'. Quindi non so cosa farà. Ma questa gioia lo aiuterà a stare ancora un po' con la maglia dell'Argentina. E vedremo se arriverà al prossimo mondiale!". Dunque, obiettivo 2026. E visto che si parla di Messi, nulla è impossibile...