Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Vaccino per il coronavirus da sperimentare in Africa, l’ex Juventus Sissoko attacca: “Perchè quei dottori non sono stati licenziati?”

La proposta fatta da due medici francesi in tv di sperimentare in Africa il vaccino contro il coronavirus continua a far discutere. E a prendere la parola al riguardo c'è anche un ex juventino, il maliano Momo Sissoko. Che dice la sua riguardo...

Redazione Il Posticipo

La proposta fatta da due medici francesi in tv di sperimentare in Africa il vaccino contro il coronavirus continua a far discutere. Le prese di posizione di campionissimi come Eto'o e Drogba hanno fatto capire che il discorso di Locht e Mira è totalmente inaccettabile. E a prendere la parola al riguardo c'è anche un ex juventino, il maliano Momo Sissoko. La "piovra", come lo chiamavano ai tempi in cui giocava, ha da poco appeso gli scarpini al chiodo e ha raccontato a Goal come le dichiarazioni dei dottori transalpini abbiano creato un vero e proprio scandalo.

SCANDALO - “Quello che hanno detto quei due dottori è davvero scandaloso. Non capisco perchè non siano stati licenziati e perchè non si è parlato molto di più di quello che hanno detto. Sono discorsi che vanno davvero condannati e vanno prese le misure necessarie al riguardo, perchè i commenti che hanno fatto sugli africani sono totalmente inammissibili. A questo punto dovrebbe essere chiaro a tutti che non stiamo scherzando. Quando si fanno dichiarazioni del genere contro gli africani, o contro qualsiasi altra popolazione, devi essere misurato e cosciente di quello che stai dicendo". Un discorso simile a quello fatto da Eto'o e Drogba, con Sissoko che anzi è anche un po' più calmo rispetto ai due colleghi.

PREGIUDIZI - Sissoko spiega che i pregiudizi nei confronti del Continente Nero sono complicati da abbattere, ma che comunque serve maggior rispetto per l'Africa e per gli africani. “Rispetto all'Europa, l'Africa non è stata toccata dal Covid-19, ma ovviamente i dottori hanno detto 'visto che lì ci sono povertà e altri problemi, possiamo fare lì gli esperimenti', ma sono cose che non si dovrebbero neanche pensare. Ho parlato al riguardo con alcuni miei cari amici e sono stati feriti da quello che hanno detto i dottori. Commenti del genere sono inaccettabili, in particolare in un paese come la Francia".