United, trasferta…infuocata: l’allarme antincendio dell’hotel scatta due volte e in campo sono dolori!

United, trasferta…infuocata: l’allarme antincendio dell’hotel scatta due volte e in campo sono dolori!

Al Manchester United rischia di costare caro lo scherzetto di Wolverhampton! La vigilia della squadra di Ole Gunnar Solskjaer è stata condizionata da qualche inconviente di troppo… e le conseguenze si sono viste in campo contro i Lupi.

di Redazione Il Posticipo

Che cosa c’è di meglio di una bella pennichella qualche ora prima di una partita importante? I piani del Manchester United però sono saltati per aria alla vigilia della delicatissima trasferta sul campo del Wolverhampton. Nelle ore precedenti allo scontro del Molineux c’è stato parecchio fermento nell’hotel dove alloggiava la squadra di Ole Gunnar Solskjaer… e in campo le conseguenze si sono viste eccome! Lo scherzetto costerà la qualificazione in Champions?

BRUSCO RISVEGLIO – Secondo quanto riportato dal Daily Mail, il martedì pomeriggio dello United sarebbe stato parecchio complicato: l’allarme antincendio del Mount Hotel Country Manor è scattato due volte, interrompendo il riposino del pre-partita… e in campo la squadra infatti è sembrata più stanca del solito! I Red Devils si erano registrati alle 21 di lunedì sera presso l’albergo da quattro stelle, da quasi 100 euro a notte, situato presso Tettenhall, vicino a Wolverhampton. Ma il riposino del martedì pomeriggio è andato di traverso alla squadra: l’allarme antincendio è stato spento prima alle 14.30 e poi alle 15.00. Per la serie: ci sono state vigilie decisamente migliori!

LUPI A MILLE – Il personale dell’hotel si è scusato col club, ma ha fatto ben poco per aiutare l’avvicinamento della squadra di Solskjaer alla sfida di Premier League. Alla vigilia lo United ha perso anche l’attaccante Marcus Rashford, rispedito a casa per un forte raffreddore e il bisogno di ulteriori trattamenti per i suoi problemi alla caviglia. In campo i Red Devils sono passati in vantaggio col centrocampista Scott McTominay (13′), ma una decina di minuti dopo è arrivato il pareggio dell’attaccante Diogo Jota. Le cose nella ripresa però sono peggiorate: doppio giallo per Ashley Young e rosso (57′) e nel finale l’autogol di Chris Smalling (77′) ha tagliato le gambe alla squadra. Molineux amaro dopo le peripezie del Mount Hotel Country Manor… adesso la Champions è più lontana?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy